Blog: http://cheremone.ilcannocchiale.it

edipo relitto


Oltre che con la Medea di Euripide, Pasolini si cimentò anche con l'Edipo re di Sofocle, con il fedele Franco Citti ed una splendida Silvana Mangano. Stavolta i paesaggi si fanno ancora più selvaggi, il testo segue più fedelmente l'originale ma lo spunto più intrigante è dato dal preambolo (ambientato nel ventennio) e dall'epilogo (a fine anni '60), che mostrano meglio di molte parole le ramificazioni freudiane del complesso di Edipo e come i capri espiatori siano sempre, silenziosamente, presenti.

Il suo capolavoro?

Pubblicato il 12/4/2011 alle 22.36 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web