Blog: http://cheremone.ilcannocchiale.it

ancora teodicee


Visto che se ne parlava qui, ho letto il De providentia di Seneca, con l'introduzione di Traina ed un bel saggio di Dionigi sulla teodicea. In mezzo ad istigazioni al suicidio e provvidenzialismo stoico c'è tutto quello che deve esserci ma il buon Seneca, come al solito, imbroglia un po' e fa il vago sul significato di "perché" nella domanda "perché esiste il male?"; così non risponde ad una causale (da dove viene il male?) ma ad una finale (a che serve il male?). Subdolo.

Pubblicato il 2/11/2010 alle 15.1 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web