Blog: http://cheremone.ilcannocchiale.it

hold 'em like they do in texas plays


Homosexuality in Greece and Rome di Thomas K. Hubbard (che insegna ad Austin, in Texas - l'ultimo posto al mondo in cui pensavo avessero un dipartimento di filologia classica) è un volumone che si propone di raccogliere quanto le fonti antiche dicono sul tema e di offrirne una traduzione in un inglese corrente e uniforme.

I difetti del lavoro sono nella scelta dei testi (un po' troppo
Platone, poco Marziale e Catullo, la parte romana nell'insieme più debole di quella greca etc. ), nella mancanza del testo a fronte (va bene che sono già quasi 600 pagine, ma quello della sessualità è un campo in cui la dimensione lessicale è essenziale) e nelle introduzioni dell'autore, non sempre molto convincenti (da dove poi gli venga la certezza, a p. 383, che il Satyricon di Petronio sia stato espressamente scritto per l'intrattenimento di Nerone non si sa).

Per il resto, è un'opera meritoria, e un buon testo di riferimento, con un discreto apparato iconografico (non pienamente sviluppato, però) e qualche riferimento all'epigrafia e alla papirologia.

Pubblicato il 18/6/2010 alle 15.53 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web