Blog: http://cheremone.ilcannocchiale.it

italiani brava gente



Il contesto narrativo del mito mito Achille Campanile è un po' datato (pare che negli anni '30 la gente andasse davvero al cinema a vedere Cabiria di Gabriele d'Annunzio!) ma, malgrado questo, resta una vetta dell'umorismo, come dimostra lo stralunato Diario di Gino Cornabò, un incrocio tra un Fantozzi ante-litteram ed un misantropo menandreo, con un complesso di onnipotenza degno di un Napoleone. Un'altra cosa notevole è la sottile ironia di Campanile (o l'intervento della fascistissima censura?) in frasi come “il Regime ha mandato al confino gli strozzini, i quali, sotto i precedenti governi, prosperavano indisturbati”.

Traccia dei tempi si vede anche più avanti, quando, al 2 ottobre 1938, scrive che 'i giornali hanno pubblicato elenchi di israeliti', per ricevere poi lettere di molti erronamente inclusi che prontamente dichiaravano soddisfatti 'di appartenere alla razza ariana'.

Non ci vergognamo mai abbastanza della nostra storia.

Pubblicato il 28/6/2009 alle 17.50 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web