Blog: http://cheremone.ilcannocchiale.it

copisti e filologi

Ogni tanto Luciano Canfora (un po’ come Gianni Vattimo) parla a sproposito, e non capisco bene perché la ‘polemica’ sul papiro di Artemidoro debba occupare le pagine culturali del Corriere un giorno sì e uno no, ma, quando fa divulgazione, resta imbattibile (da ricordare il suo Tucidide e il suo Augusto).

Filologia e libertà è una lucida disanima dei documenti ecclesiastici (dal Concilio di Trento a Paolo VI) sulla legittimità della critica testuale sulle Sacre Scritture, documenti poi riportati in appendice (da segnalare il violentissimo attacco di Pio X ai poveri modernisti).

Detto così pare palloso, ma è un libretto importante.


Pubblicato il 15/6/2008 alle 19.9 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web