Blog: http://cheremone.ilcannocchiale.it

coming up

Holly Dolly; Dolly song: non ho capito bene di che si tratti, credo sia un mulo che canta una specie di polka. Peggio di Crazy Frog, ed inoltre è una produzione italiana.

The Sheilas; (I'm so) happy happy (you're mine): ommioddio, è di nuovo il 1988 ed è tornato il marchio SAW (i creatori della prima Kylie Minogue), ora con queste tre fanciulle (qui il sito) e una cosa che sembra un singolo delle Bananarama dei tempi d’oro. Puro genio. Qua sotto il video (attendo con impazienza una versione fatta da qualche drag queen; intanto qui cantano – con una certa difficoltà - It’s raining men)



Joy Division; Love will tear us apart: in attesa del film sulla vita di Ian Curtis (si chiama Control ed esce a ottobre), ripubblicano quella che Kurt Cobain definiva la più bella canzone mai scritta. Giustamente.

BWO; Fabricator: nuovo album per i Bodies Without Organs (di cui sono, ricordo sempre, il primo fan italiano). Tranne forse Happiness (che tecnicamente è reggae svedese), è un capolavoro, anche per via della copertina un po’ barocca.



Pubblicato il 22/9/2007 alle 15.18 nella rubrica Ciarts.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web