Blog: http://cheremone.ilcannocchiale.it

shirley bassey - climb ev'ry mountain (1961)

Chi è questa: Meravigliosa cantante gallese, nata nel 1937, ha inciso il brano portante della colonna sonora di un paio di film di James Bond, come Goldfinger e Diamonds are forever (anche quello del film con Roger Moore nello spazio, ma nessuno lo ricorda – ci sarà una ragione). Nel 1999 è stata nominata dalla regina ‘dama dell’impero britannico’ o qualcosa del genere. A 70 anni compiuti, non ha ancora intenzione di fermarsi, ha recentemente pubblicato un nuovo album e qui canta Get the party started di Pink.

La musica: Climb ev’ry mountain viene dal musical del 1959 di Rodgers e Hammerstein The sound of music, noto in Italia come Tutti insieme appassionatamente (il film con Julie Andrews è del 1965). Nel film, il brano è cantato dalla madre badessa quando spiega a Maria che la cosa più importante è seguire i propri sogni. Essendo un musical, la canzone è, ipso facto, un filino camp e richiede una notevole estensione vocale per essere eseguita. Attenzione: contiene orchestra.

Le parole: Scala ogni montagna / Cerca da una parte e dall’altra / Segui ogni via, ogni sentiero che conosci / Scala ogni montagna, guada ogni fiume / Segui  ogni arcobaleno finché trovi il tuo sogno / Un sogno che avrà bisogno di tutto l’amore che potrai dare / Ogni giorno della tua vita, fino a quando vivrai / Scala ogni montagna, guada ogni fiume / Segui  ogni arcobaleno finché trovi il tuo sogno / Un sogno che avrà bisogno di tutto l’amore che potrai dare / Ogni giorno della tua vita, fino a quando vivrai / Scala ogni montagna, guada ogni fiume / Segui ogni arcobaleno finché trovi il tuo... sogno! (cantato ‘dreeeeeeeeeeeeeeeam’). Non scrivono più cose così.

Cheremone’s corner: Non ricordo bene quando, ma un certo punto stavo a Londra e finii in un cinema (questo qua) in cui organizzavano una serata interamente dedicata al film. Nella ‘cosa’ (cercherò di descriverla ma sarà tosta), una drag queen faceva da presentatrice, vestita con una tenda verde (citazione dal film, quando Maria cuce dei vestiti da gioco per i bambini) e anche un sacco di gente del pubblico era vestita come i personaggi del film (suore con i baffi e cose del genere). Il film stesso era sottotitolato tipo karaoke e tutti dovevano cantare e fare determinate cose nei vari momenti della storia (tipo fare la ‘ola’ ogni volta che si inquadrava una montagna o stappare una bottiglia di champagne quando Maria e il colonnello si baciano). E’ stata la serata più surreale della mia vita (qui il sito!). Da quel momento, era ovvio che The sound of music diventasse un mio imprescindibile punto di riferimento nel compiere le scelte della mia vita.

Pregnanza socio-culturale: The sound of music è, semplicemente, il più importante film mai girato. Pare che un intero episodio di Will & Grace sia dedicato ad esso, consacrando il fatto che ci sia qualcosa di intrinecamente gay nell’opera, probabilmente perché Maria cerca di essere se stessa o qualcosa del genere. Il che vale per tutti.

La si trova qui: c’è un’antologia che la contiene; la colonna sonora del musical dovrebbe essere regalata dallo stato ad ogni cittadino appena nasce.

Nel video qua sotto a cantare non è Shirley Bassey, ma la madre badessa:

Pubblicato il 15/7/2007 alle 17.44 nella rubrica songs.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web