.
Annunci online

cheremone
gaze at the moon until I lose my senses

NEW!!! 

Pet Shop Boys together Mylène Farmer oui mais... non Glee Cast teenage dream Lady Gaga born this way Subsonica il diluvio The Wanted gold forever The Sound Of Arrows nova Eric Saade popular Lady Gaga judas Depeche Mode personal jesus (the stargate mix) Example changed the way you kiss me

 
 

Locations of visitors to this page

c i n q u e l i b r i
Georges Simenon maigret e il ladro indolente Charles Baudelaire saggi sulla letteratura Georges Buby e Michelle Perrot storia delle donne - l'ottocento Guido Gozzano
i colloqui Achille Campanile manuale di conversazione

c i n q u e c a n z o n i
Bananarama careless whisper Manic Street Preachers hazelton avenue Eddy Grant
 I don't wanna dance Groove Armda tuning in Pussycat Dolls whatcha think about that

d v d
dexter season 3 queer as folk season 3 family ties season 3 the simpsons season 13 friday the 13th jason x south park season 2 lie to me season 2 kyle xy season 4 star trek the motion picture hung season 1 glee season 1 earth: final conflict season 2 lost season 6 fringe season 2 24 season 8 coupling season 1 gregor jordan the informers nip/tuck season 6 misfits season 1 v season 1 true blood season 2 curb your enthusiasm season 2 californication season 3 the big bang theory season 1 skins season 5 dynasty season 1 lazzaretti/santolini domani torno a casa pier paolo pasolini salò seinfeld season 1 woody allen incontrerai l'uomo dei tuoi sogni spartacus season 1 the walking dead season 1 bones season 1 faenza/macelloni silvio forever

canzoni che dicono qualcosa
001 / The Smiths
panic
002 / Fiamma Fumana bella ciao 003 / Depeche Mode personal jesus 004 / New Order true faith 005 / The Cure killing an arab  006 / Johnny Cash san quentin 007 / Edith Piaf non, je ne regrette rien 008 / The Clash london calling 009 / Shirley Bassey climb ev'ry mountain 010 / Dusty Springfield I close my eyes and count to ten 011 / Blondie atomic 012 / human league don't you want me 013 / Pet Shop Boys integral 014 / Joy Division love will tear us apart 015 / The Pogues & Kirsty McColl fairytale of new york 016 / Saez jeune et con 017 / Soft Cell say hello wave goodbye

1 giugno 2011
letteratura
noli quaerere, noli dicere

C'è una curiosa favoletta di Fedro che ha per protagonista un soldato di Pompeo. Dalla sua andatura (ambulando molliter) e dalla sua voce (fracte loquendo) tutti deducono che sia un cinaedus (un omosessuale passivo) a tal punto che si esclude che sia stato protagonista di un furto, in quanto incapace di un atto così audace e 'virile'. Peccato che poi, sfidato in duello all'ultimo sangue, in poco tempo abbia la meglio sul nemico e salvi l'esercito, al punto che lo stesso Pompeo non può che riconoscerne il valore e, con una battuta, la responsabilità del furto. In tempi di abolizione del Don't ask, don't tell, la storiellina è decisamente attuale, come attesta l'agile edizione curata da Mario Lentano che offre anche interessanti spunti sull'idea romana della mascolinità, fatta, pare, di modi di camminare e di parlare.

E poi c'è anche una grande canzone di Charles Aznavour, Comme il disent (What makes a man a man in inglese, qui cantata da Marc Almond e qui da Liza Minnelli).
28 maggio 2011
musica
mis canciones son de la revolución

E finalmente, dopo ben quattro singoli, è arrivato Born this way, l'album di Lady Gaga.

Il primo singolo, Born this way, è obiettivamente un capolavoro, e talmente controverso che l'altra sera ad American Idol hanno evitato di cantare la strofa "no matter gay, straight or bi / lesbian, transgendered life / I'm on the right track baby / I was born to survive" (thanks, middle America); Judas è spudoratamente un rifacimento di Bad romance ma ha ugualmente innervosito i fondamentalisti cattolici (pontifex è un sito le cui farneticazioni mi mettono, non so perché, di buon umore per quanto sono allucinanti), che forse non hanno mai notato che il cristianesimo abbia una dimensione corporale che sarebbe teologicamente interessante recuperare; su Hair non c'è molto da dire; The edge of glory è, letteralmente, spettacolare.

Il resto del disco non è da meno. Al momento la mia favorita è Americano, che si apre con una citazione di Mambo italiano (e già solo questo la eleva di dieci spanne dal resto) e che è meglio di tutta la carriera di Jennifer Lopez. E pure Government hooker non è male.
15 aprile 2011
musica
let it rain
Mai capito perché, ma quando piove io mi bagno e divento più impresentabile del solito - alle boyband invece succede regolarmente il contrario:

Prova 1:

Prova 2:

Prova 3:

(era solo per dire che i Blue hanno fatto un secondo video per l'Eurofestival - manca un mese!)
1 aprile 2011
musica
still learning

Ormai definitivamente convertito ad iTunes, Intensive care è il primo album di Robbie che ho comprato in digitale (ora però ci vuole il formato fisico, con annesso dvd). Dopo una serie di dischi impeccabili (tranne questo), fu il suo primo lavoro "così così" (anche se Sin sin sin è sempre incredibile), anche perché la scelta di Tripping come singolo iniziale non fu feliccisma. Perà c'è Advertising space, che è parecchio ruffiana ma che continua ad essere una bellissima canzone:
29 marzo 2011
musica
faithful

Sono passati 30 anni da Don't you want me, la più grande canzone degli Human League (se ne parlava qui), recentemente passata per Glee.

Stare appresso agli Human League è un po' sconfortante, perché non sono esattamente prolifici ma finalmente è uscito un nuovo disco (l'ultimo era del 2003?), Credo. Non è certo un disco innovativo né destinato ad imporsi come "il" disco del 2011, ma è bello ritrovarli coerenti e fedeli a quello che sono.

E i primi due singoli, Night people e Never let me go, dimostrano che hanno ancora qualcosa da dire.
22 marzo 2011
musica
bismillah?

Non è filologicamente corretto ridurre un intero album ad una sola canzone, ma se l'album è A night at the opera e la canzone è Bohemian rhapsody credo si possa fare. Bohemian rhapsody non si spiega (anche se, leggo qui, da alcuni è definita il corrispondente musicale di un tabloid rispetto ad un quotidiano prestigioso), si ascolta.

Oltre all'orginale, ci sono due versioni che meritano: quella dei Muppets e quella ispirata a Battlestar Galactica.

C'è solo da restare a bocca aperta per la meraviglia.
13 marzo 2011
musica
true vs gold
Comic Relief è una cosa annuale di beneficienza inglese, cui si collegano ogni anno singoli più o meno ufficiali. Quest'anno è stata l'occasione per tirare fuori dal congelatore George Michael che ha annunciato una cover di una delle più grandi canzoni mai scritte. La sua versione di True Faith è, va detto, diversa dall'originale e sono ancora indeciso se sia una ciofeca o puro genio.

Non va invece sospeso il giudizio sul singolo ufficiale di Comic Relief, Gold forever dei Wanted, che rischia di passare alla storia come la più profonda canzone nella storia delle boyband, con frasi come "we'll never be as bright as we are now" o "when the innocence is dead and gone / these will be the times we'll look back on" - peccato solo per "butterflies, butterflies / we we are meant to fly" che era evitabile:


12 marzo 2011
musica
bleurovision
Tra due mesi c'è l'Eurofestival e qui non si vede l'ora. Al momento le cose più interessanti sembrerebbero essere: il ritorno di San Marino, quello dell'Italia (con il fanciullo di Sanremo che farebbe del jazz), il tizio russo (video), i risibili Jedward (per l'Irlanda), la sempre bellissima Dana International (per Israele,) il ritorno della vincitrice dell'anno scorso, Lena.

Ma la cosa migliore sarà sicuramente il ritorno dei Blue (ne parlavamo qui, poi la cosa sembrava sospesa, ma la carriera solista di Lee è andata a rotoli, per cui sono di nuovo insieme):

Se non stonano e cantano a torso nudo, vincono.
16 febbraio 2011
musica
pas d'eau

Era da secoli che si aspettava un disco che mettesse insieme il meglio di Claudia Brucken, attraverso le sue varie incarnazioni, con i Propaganda e gli Act quand'ero piccolo e poi con pezzi di OMD, Erasure e Depeche Mode. Combined è semplicemente questo, algido e teutonico come si deve. Questa è l'epocale Snobbery and decay:
27 gennaio 2011
musica
soft porn e fonduta

Per la serie dischi improbabili, 70's Dinner Party (il cui sottotitolo dice tutto: "musica per accompagnare la fonduta") è una ricca (sono 3 cd, 54 brani) compilation inglese di musica anni '70, non di gente tipo i Bee Gees o i Pink Floyd ma più dalle parti di Barry Manilow e Demis Roussos.

E così si scopre che l'Italia ha la parte da leone (c'è Do it, do it again di Raffaella Carrà e Vado via di Drupi) e che Telly Savalas, il Kojak della tivvù, ad un certo punto ha fatto anche una canzone, If, in cui, su una base bassa bassa sussurra cose verosimilmente oscene. Ipnotico:
3 gennaio 2011
musica
cheremone's 2010 top 40 - 7
(qui le posizioni 40-5)

4 / Eminem ft. Rihanna; Love the way you lie. Le grandi canzoni sono capaci o di portarti altrove e di farti dimenticare di tutto (tipo, chessò, Your disco needs you di Kylie Minogue) o sono profondamente disturbanti (tipo Fotoromanza di Gianna Nannini - "quest'amore è una camera a gas" non è esattamente confortante). Che Eminem facesse una canzone dai toni violenti non è una novità ma che Rihanna, vittima a sua volta di violenza da parte di un essere spregevole come Chris Brown, accettasse questa collaborazione mi è sempre parso strano. Escluso che sia così stupida, resta solo l'ipotesi della catarsi artistica. Ciò non toglie che Love the way you lie sia una grande canzone, proprio perché non lascia indifferenti:
 
3 / Katy Perry; The one that got away. Si può ignorare un'artista che ha passato il 2010 in vetta alle classifiche mondiali? Sì, visto che ho beatamente ignorato i Black Eyed Peas. Perché allora non ignorare anche Katy Perry? Un po' per il ricordo di Hot 'n' cold, un po' per le nozze con il geniale Russell Brand, non certo per il California Gurls (già la grafia è fastidiosa) né per Teenage dream (la versione definitiva è quella di Glee) né per Firework, che manco pare una canzone. E' che in un album insulso come il suo, ci sono i 4 minuti scarsi di questa canzone, piena di rimpianti e di speranze. E le si perdona tutto, perché in another life I would be your girl.

2 / Rihanna; Only girl (in the world). Ancora Rihanna, stavolta da sola e un po' più solare. Qua sotto, la versione dei One Direction, che rende il tutto, come dire, destabilizzante:

1 / Lady Gaga; Alejandro. Sono fermamente convinto che la rima con "Roberto" sia in realtà un omaggio a Fernando degli Abba, e già solo per questo si merita la vetta:
2 gennaio 2011
musica
cheremone's 2010 top 40 - 6
(Qui le posizioni 40-37, 36-30, 29-23, 22-15 e 14-10)

9 / Plan B; Prayin'. La trasformazione di Plan B da rapper arrabbiato a versione maschile di Amy Winehouse è stata uno degli eventi musicali del 2010.

8 / Jason Derulo; In my head. Sarà perché una delle mie espressioni preferite per presentare un'opinione è "nella mia mente", fatto sta che questa canzone è grandissima. Sarebbe più alta in classifica se non citasse fastidiosamente il suo nome.

7 / Bruno Mars; Just the way you are. Lui l'abbiamo conosciuto tramite il duetto con Travie McCoy (un po' più sotto in classifica) e si è capito che questa era una grande canzone anche tramite la versione di Glee. Questo è il video originale:

6 / Usher; DJ got us fallin' in love. La produzione è di Max Martin, e si sente. Qua sotto, Frankie dei Wow (Forse sciolti? Spariti nel nulla? Qualcuno dica qualcosa!) la balla.

5 / Taio Cruz ft. Kylie Minogue; Higher. Puro genio:

(continua...)
1 gennaio 2011
musica
cheremone's 2010 top 40 - 5
(Qui le posizioni 40-37, 36-30, 29-23 e 22-15)

14 / Owl City; Fireflies. Questa è una di quelle canzoni che appaiono dal nulla e poi scompaiono nel nulla. Vale però la pena di ricordarla.

13 / Tinie Tempah ft. Eric Turner; Written in the stars. Il mio problema con i rapper è sempre lo stesso: la linea melodica è eccezionale, il rap in quanto tale insopportabile. Questa qua non fa eccezione, ma merita comunque:

12 / Florence And The Machine; Dog days are over. P-e-r-f-e-t-t-a.

11 / Glee Cast; Teenage dream. Ok, Glee è la cosa migliore apparsa in tv nel 2010. E' dura scegliere una canzone rappresentativa, ma alla fine ha vinto questa, perché rivelare la grandezza di una canzone di Katy Perry non è impresa facile:

10 / K'naan; Wavin' flag. Tra tutte le canzoni che hanno infestato i Mondiali di Calcio (tipo Waka waka, che non accenna tra l'altro a sparire nel nulla da cui viene), quella di questo fanciullo di origine somala, diventata la colonna sonora della pubblicità della Coca-Cola, è la meno peggio. Il fatto poi che ne abbiano fatte diverse versioni per i vari paesi è grazioso - questa è la versione in arabo:
30 dicembre 2010
musica
cheremone's 2010 top 40 - 4
(qui le posizioni 40-37, 36-30 e 29-23)

22 / Alexandra Burke; The silence. Lo so che c'è qualcosa di profondamente sbagliato in X-Factor e in Alexandra Burke (qui ampia discussione), ma questa canzone, per quanto rispetti uno per uno tutti gli immaginabili clichés, resta, uhm, bella.

21 / Drake; Find your love. Drake è una sorta di melting pot vivente (il padre è di Memphis, la madre è un'ebrea canadese); il suo primo album si chiama Thank me later e questo è il suo secondo singolo:

20 / Duck Sauce; Barbra Streisand. Prendete quella che è essenzialmente Gotta go home dei Boney M, ci ripetete sopra il nome di un'attrice e, miracolo, funziona.

19 / Mika; We are young. La collaborazione tra Mika e RedOne (il produttore di Lady Gaga), per quanto legata ad un inverosimile film, ha i suoi momenti significativi.

18 / Robbie Williams & Gary Barlow; Shame. Il termine corretto pare sia 'bromance', 

17 / Kylie Minogue; All the lovers. I posteri ricorderanno come vetta irraggiungibile della sua carriera il momento in cui l'ha cantata con gli Scissor Sisters, in versione country:

16 / Inna
; Hot. Il titolo dice tutto.

15 / Take That; The flood. Sembrava improbabile, ma il 2010 è stato l'anno dei TT (qui la loro carriera, in 12 tappe). Qua sotto, un'esibizione con ballerini semi-nudi che, c'ho messo un po' a capirlo, rappresentano la copertina dell'album:

(continua...)
29 dicembre 2010
musica
cheremone's 2010 top 40 - 3
(40-37 e 36-30)

29 / Lena; Satellite. L'Eurofestival quest'anno (qui la cronaca della serata finale) è stato vinto dalla Germania (!), come da previsione... la notizia dell'anno è che l'Italia tornerà alla manifestazione...

28 / Olly Murs; Please don't let me go. Il nuovo Will Young?

27 / The Wanted; Lose my mind. All'inizio ero perplesso, ma poi ho ceduto. Cinque sono i motivi che rendono Lose my mind un capolavoro: 1) Nathan canta "I'd erase my thoughts / If only I'd knew how" ma io avevo capito "I'd erase my phone" e pensavo che fosse così stupido da non saper osare un cellulare; 2) Siva non fa niente; 3) Tom canta con un pathos davvero convincente; 4) Max a 1.48 minuti sembra sul punto di passare a The neverending story di Limhal e 5) ooh ooh:

26 / Brandon Flowers; Only the young. Non proprio i Killers, ma quasi.

25 / Michael Jackson ft. Akon; Hold my hand. Come si diceva qui, sarebbe più alta in classifica non fosse per Akon...

24 / Example; Kickstarts. La canzone perfetta per chi si innamora, ancora:

23 / Hurts; Better than love. L'avevo detto, io. Ed oltre a questo, hanno pure rifatto Jeanny di Falco.
28 dicembre 2010
musica
cheremone's 2010 top 40 - 2
(qui le posizioni 40-37)

36 / Mylène Farmer; Oui mais... non. Come si diceva qui, c'era molta apprensione per il nuovo album di Mylène Farmer, ma questo primo singolo, scritto da RedOne, ha dissipato ogni dubbio.

35 / Joe McElderry; Ambitions. Il fanciullo vincitore dell'X Factor inglese del 2009 ha fatto un non terribile singolo, che è poi una cover dell'originale dei norvegesi Donkeyboy,  cui ha aggiunto un curioso balletto che, sorprendentemente, funziona.

34 / Stromae; Alors on danse. Altro successo francofono, decisamente ipnotico:

33 / Travie McCoy; Billionaire. Probabilmente la prima canzone al mondo a citare la rivista Forbes.

32 / Martin Solveig ft. Dragonette; Hello. Qua siamo dalle parti del puro genio, in primis perché finalmente i Dragonette hanno una canzone che può essere definita un "successo" e poi perché l'idea dei dj che fanno un torneo di tennis è eccezionale:

31 / Gorillaz; On melancholy hill. E' curioso che, in un album pieno di ospiti di grandissimo nome come Plastic beach, la cosa più semplicemente bella sia una delle poche canzoni senza ospiti di richiamo. Bravo, Damon:

30 / Scissor Sisters; Fire with fire. Confermo l'uso dell'aggettivo "perfetto", già da maggio.

(continua)
27 dicembre 2010
musica
cheremone's 2010 top 40 - 1
E' il momento (come da tradizione), direi, di ripercorrere gli ultimi dodici mesi, con la classifica delle 40 migliori canzoni del 2010...

40 / Robyn; Dancing on my own. Il 2010 è stato un anno impegnativo per la fanciulla, che non ha pubblicato uno ma ben tre dischi. Il primo conteneva questa struggente canzone, una di quelle che si ballano piangendo. Qua sotto la canta alla cerimonia dei premi Nobel (!):

39 / Manic Street Preachers; Some kind of nothingness. A quasi vent'anni dal loro primo album, i Manics continuano ad essere importanti. Il loro album del 2010, Portrait of a young man, continua a regalare sorprese, come questa, che ospita Ian McCulloch.

38 / Antoine Clamaran ft. Soraya; Live your dream. Lui dovrebbe essere un dj francese, lei è una cantante spagnola. La cosa poteva sembrare improbabile, e invece...

37 / Mads Langer; You're not alone. Non è chiarissimo perché, ma la cover del vecchio successo degli Olive ad opera di questo fanciullo danese ha avuto particolare successo in Italia...

(continua... )
23 dicembre 2010
musica
e fu così che scoprimmo gli oreo

Mentre il primo album dei Frankie Goes To Hollywood, Welcome to the pleasuredome, entrò direttamente nella storia della musica, il loro secondo lavoro, Liverpool, cadde presto nel dimenticatoio, portando allo scioglimento definitivo dei Frankies (la reunion del 2004, senza Holly, non vale, eh).

Dalle ceneri del quintetto, uscì presto fuori il cantante, Holly Johnson, i cui primi due singoli furono veramente ineccepibili (Love Train si apre con il verso "sei un'opera d'arte, sei la fontana di Trevi", mentre Americanos è il miglior trattato di sociologia sull'immigrazione ispanica negli Stati Uniti mai scritto).

L'album, Blast, uscito nel 1989 aveva i suoi momenti (Got it made e Heaven's here restano dei gioielli) ma non era il capolavoro che ci si aspettava - ora ne è uscita una 'edizione espansa', con i video dei singoli su dvd, un cd di remix (alcuni dei quali totalmente inediti) e qualche rarità (Holly che canta Love me tender di Elvis Presley ci ricorda che la sua voce era davvero notevole), in un'edizione filologicamente corretta di cui si sentiva il bisogno e che è il caso di procurarsi, at any price.
21 dicembre 2010
musica
vers l'horizon funeste

L'idea che l'ottavo album della sempre meravigliosa Mylène Farmer non fosse scritto, come al solito, con Laurent Boutonnat era un po' inquietante.

Ora che è arrivato, si scopre che Bleu Noir ha ben sette canzoni scritte con Moby (forse troppe?), due scritte con RedOne (tra cui il primo singolo, Oui mais... non) e due prodotte dagli Archive (tra cui il nuovo singolo, Leila, dedicato non alla principessa di Guerre Stellari, pare, ma ad un'esule iraniana) ed uno ha paura che sia come Hard Candy fu per Madonna, cioè l'un po' risibile tentativo di un'ottuagenaria di farsi produrre dai produttori del momento (forse Moby no, diciamo).

Solo che Mylène non ha niente da imparare da Lady Gaga (il video della vecchia Je t'aime mélancolie resta epocale) e là dove Hard Candy falliva, Bleu noir si riscatta, risultando un disco splendidamente coerente e coerentemente splendido. Merveilleux.
6 dicembre 2010
mondo Mac
tre ragioni per cui vale la pena di avere un iPhone/iPad
1: potersi scaricare Angry Birds
2: poter giocare ad Angry Birds

e

3: poter apprezzare questa cosa di un programma comico israeliano in tutta la sua magnificenza:

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. angry birds ipad iphone video

permalink | inviato da cheremone il 6/12/2010 alle 12:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
23 novembre 2010
musica
boyband 88
Letto tutto insieme, NKOTBSB non dirà molto, ma è l'unione dei New Kids On The Block (li avevamo lasciati qui) e dei Backstreet Boys (qui i consigli - ignorati - per la loro carriera).

Il 2011 li vedrà in tour insieme, ma al momento si sono esibiti agli American Music Awards (dei sub-Grammys) in una cosa che all'inizio pare un mash-up di Hangin' tough e di Everybody (Backstreet's back), poi si perde in I want it that way e Step by step, senza alcuna traccia di ironia.

Hanno visto tempi migliori, temo.
14 novembre 2010
musica
the world starts to fade / as we leave it behind

Per non limpidissimi motivi, a sette anni dall'epocale Pop art, la EMI ha pubblicato una nuova antologia dei Pet Shop Boys, Ultimate. Per fare contenti quelli che hanno già tutto, oltre all'inedita Together, l'edizione speciale di Ultimate comprende anche uno spettacolare dvd con 27 (!) apparizioni televisive dei PSB presso la BBC (Top of the pops, ma non solo).

Riassumere in un solo disco 25 anni di carriera non è facile, ed Ultimate finisce col deludere chi sa che c'è altro (anche solo fra i singoli) qui non compreso (Rent! So hard! Can you forgive her!) e che alcune scelte non sono proprio "ultimate" (New York City boy!).

Detto questo, se uno non conosce i PSB, Ultimate è comunque una buona introduzione.

E poi c'è Together, che riassume tutto quanto:
11 novembre 2010
musica
dopo di me il diluvio

Nel 1988 i Duran Duran diedero di testa, decisero di pubblicare un album senza la loro foto in copertina (inaudito, per quella che tecnicamente era una "boyband", ma l'avevano già fatto con Rio) e soprattutto decisero di chiamarsi Duranduran.

Il risultato fu Big Thing (ora riedito con dvd di un concerto al Palatrussardi di Milano e più remix di All she wants is di quanto si possa umanamente sopportare) che, al ri-ascolto, non è così terribile come mi pareva di ricordare.

E poi contiene Do you believe in shame, che resta per me la loro canzone più bella, e importante ('cos I believe a little part of you inside of me will never die), scritta per la morte di un amico di Simon:
11 novembre 2010
musica
are made of this?


Volevo scrivere qualcosa sul nuovo, grazioso album di Neil Diamond, ma l'ha già fatto Luca Sofri. Aggiungerei solo che, visto che riprende anche la sua I'm a believer, era il caso di rifare anche Sweet Caroline (qui nella versione di Glee, per i ggiovani).
10 novembre 2010
musica
avant qu'ils mordent

La nostra adolescenza fu profondamente segnata da un'esibizione sanremese degli Eighth Wonder (la canzone era l'insignificante Will you remember) in cui a Patsy Kensit cadde una spallina (qui la testimonianza visiva), non tanto perché i suoi seni fossero particolarmente prosperosi (la mia è la generazione di Drive In, quindi le aspettative erano altre) ma perché sembrava incredibile che sulla Raitivvù del 1988 si potesse vedere tanto (non c'era internet, eh).

In realtà, quello per cui gli Eighth Wonder meritano di essere ricordati è I'm not scared, scritta per loro dai Pet Shop Boys (che se ne sono poi riappropriati in Introspective) e che resta tuttora una pietra miliare punto.

Il primo (ed unico album) degli Eighth Wonder, Fearless, è stato recentemente ripubblicato con in più qualche remix e soprattutto la versione francese di I'm not scared, J'ai pas peur, che appare per la prima volta su cd e che merita.

Merita, ma per ragioni diverse, anche Baby baby, in cui Patsy Kensit reppa.


12 ottobre 2010
musica
in exploitation's name

Dopo tre dischi (il debutto, Rio e Seven and the ragged tiger) letteralmente capaci di definire un'epoca, i Duran Duran si persero un po' per strada, per riapparire, nell'autunno del 1986, ridotti a tre (Simon, Nick e John), sulle note, fastidiosette, di "no-no-notorious", il primo singolo dell'omonimo album, ora elegantemente ripubblicato (con lati b, remix d'epoca, brani dal vivo e un dvd del tour '87-'88).

Notorious
, purtroppo, è un album iper-prodotto, plasticoso e poco convincente, inizio di un periodo non facile per il gruppo ma capace comunque di mettere insieme Skin trade, che resta un gioiello. Il resto, vale più come documentario che altro.
23 settembre 2010
musica
rollin'

Come si diceva qui, l'anno scorso è uscita l'edizione 'definitiva' dell'album di debutto degli Stone Roses.

Ci sono pochi dischi che rappresentano perfettamente il momento storico in cui sono usciti (mi viene in mente Nevermind dei Nirvana, o i primi due dischi degli Oasis o Actually dei Pet Shop Boys o Movement dei New Order, tutti tra l'altro con copertine ugualmente iconiche) e questo è uno di questi, dalla prima all'ultima nota.

In questa nuova edizione, trovano posto il 12" di Fools Gold, una quindicina di demo, sei video ed un concerto a Blackpool, in cui suonano più o meno tutto l'album (non è che avessero molto materiale all'epoca).

Che dopo il debutto fecero poco e male, non conta. The stone roses è un disco perfetto. Da riscoprire, se non lo sapessi già a memoria da vent'anni.
30 agosto 2010
musica
boyband 87
Negli anni '90 c'erano gli Ace Of Base che, essendo due fanciulle e due fanciulli e pure svedesi, erano da Amadeus paragonati agli ABBA. Fecero in tutto quattro album ed un paio di canzoni importanti (All that she wants, che ebbe un successo spaventoso, Beautiful life, la mia preferita, e Life is a flower che, citando Il giovane Holden, non poteva lasciarmi indifferente) per poi sciogliersi. L'anno scorso sono tornati, con una fanciulla in meno, ma la cosa non ha funzionato, ed ora sono ri-ritornati, con DUE nuove fanciulle, mentre, per quanto riguarda i maschietti, Ulf (lo svedese ha nomi fantastici) si è mantenuto, ma Jonas ha messo su pancetta. Questa è la nuova All for you:
29 agosto 2010
musica
bromance
Qui si parlava dell'annunciato ritorno di Robbie Williams nei Take That (e hanno già girato il video del primo singolo insieme, The flood) e si citava un imminente duetto tra Robbie e Gary Barlow, Shame. Beh, è arrivato, e quello che colpisce non è tanto la svolta country della canzone (e ci sarebbe molto da dire) quanto il video, chiaramente ispirato a Brokeback mountain. Indescrivibile:

29 agosto 2010
musica
lento doloroso
E' arrivato Happiness, l'album degli Hurts (noi ne parlavamo qui, e ora Wonderful life è al #2 in Germania e nella top 30 inglese). Popjustice è in estasi anche solo per la confezione. Inoltre contiene un duetto con Kylie Minogue, Devotion. Qua sotto rifanno Confide in me:
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte