.
Annunci online

cheremone
gaze at the moon until I lose my senses

NEW!!! 

Pet Shop Boys together Mylène Farmer oui mais... non Glee Cast teenage dream Lady Gaga born this way Subsonica il diluvio The Wanted gold forever The Sound Of Arrows nova Eric Saade popular Lady Gaga judas Depeche Mode personal jesus (the stargate mix) Example changed the way you kiss me

 
 

Locations of visitors to this page

c i n q u e l i b r i
Georges Simenon maigret e il ladro indolente Charles Baudelaire saggi sulla letteratura Georges Buby e Michelle Perrot storia delle donne - l'ottocento Guido Gozzano
i colloqui Achille Campanile manuale di conversazione

c i n q u e c a n z o n i
Bananarama careless whisper Manic Street Preachers hazelton avenue Eddy Grant
 I don't wanna dance Groove Armda tuning in Pussycat Dolls whatcha think about that

d v d
dexter season 3 queer as folk season 3 family ties season 3 the simpsons season 13 friday the 13th jason x south park season 2 lie to me season 2 kyle xy season 4 star trek the motion picture hung season 1 glee season 1 earth: final conflict season 2 lost season 6 fringe season 2 24 season 8 coupling season 1 gregor jordan the informers nip/tuck season 6 misfits season 1 v season 1 true blood season 2 curb your enthusiasm season 2 californication season 3 the big bang theory season 1 skins season 5 dynasty season 1 lazzaretti/santolini domani torno a casa pier paolo pasolini salò seinfeld season 1 woody allen incontrerai l'uomo dei tuoi sogni spartacus season 1 the walking dead season 1 bones season 1 faenza/macelloni silvio forever

canzoni che dicono qualcosa
001 / The Smiths
panic
002 / Fiamma Fumana bella ciao 003 / Depeche Mode personal jesus 004 / New Order true faith 005 / The Cure killing an arab  006 / Johnny Cash san quentin 007 / Edith Piaf non, je ne regrette rien 008 / The Clash london calling 009 / Shirley Bassey climb ev'ry mountain 010 / Dusty Springfield I close my eyes and count to ten 011 / Blondie atomic 012 / human league don't you want me 013 / Pet Shop Boys integral 014 / Joy Division love will tear us apart 015 / The Pogues & Kirsty McColl fairytale of new york 016 / Saez jeune et con 017 / Soft Cell say hello wave goodbye

22 aprile 2010
vita scolastica
Where the sun is always out and you never get old - 5

(qui la quarta parte). Saranno stati i troppi arancini o la terrificante escursione termica (dai 2 gradi dell'Etna ai più di 20 del mare) ma il viaggio alla volta di Taormina è funestato da gente che comincia a stare male, con conseguenti soste a catena di tutti e tre i pullman che abbiamo. A rendere più complicate le cose è il fatto che Taormina sta in cima
a un monte e a noi ci lasciano sotto, in un desolato parcheggio, in attesa di fantomatiche 'navette' che dovrebbero fare la spola fra su e giù.

Quando arrivano le navette, è quasi mezzogiorno e i miei stanno giocando a pallone in mezzo alla statale. Alla fine ci caricano (con qualche fatica) e arriviamo nella cittadina, che, come temevo, è un po' 'finta'. La vista sul mare sottostante è notevole e gli scorci medievali meritano, ma per il resto è tutto un sovrapporsi di negozietti da turisti. Dopo pranzo, ritroviamo la noiosissima guida che ci porta al teatro greco, che visitiamo in maniera confusissima ed è un peccato, perché il posto meriterebbe ben altro. Ore spese ad aspettare la navetta e poi via, alla volta di Catania, con sempre più alunni malaticci a bordo e altre soste.

Intorno alle 1830 siamo a Catania e liberiamo le ciurme lungo la via Etnea, a comprare qualcosa da mangiare per evitare di dilapidare patrimoni a bordo della nave. Stanchi morti, ci imbarcano intorno alle 20.00, in un viaggio che già si preannuncia terribile. La partenza è prevista per le 22.30 ma inspiegabilmente si salpa intorno a mezzanotte e fuori Catania incontriamo un mare allegramente mosso.

Della notte a bordo restano solo immagini confuse: fanciulli e fanciulle che vomitano, ragazzi che giocano a Twister mentre la nave barcolla, il medico di bordo che insegue studenti armato di siringhe, personale della nave che spazza per terra e sparge segatura, bambini di 4 anni che urlano, io che gioco a scacchi e perdo in maniera imbarazzante, fanciulli (miei) che saltano divertiti, fanciulle (mie) chiuse in cabina moribonde, studenti che scoprono con entusiasmo di soffrire il mar di mare, altoparlanti che chiamano alunni (miei) che non si sono mai imbarcati e in generale un'atmosfera da ultima sera sul Titanic. Epico.

La mattina, verso le 11, cominciano a riaffacciarsi i primi volti assonnati (alcuni avranno dormito ininterrottamente dalle 10 della sera prima) e l'ennui regna sovrana, mentre la nave, per fare prima, pare aver cambiato rotta e siamo in mezzo al mare, per fortuna un po' più calmo. Altre partite a scacchi (esistono studenti che sanno cosa sia l'arrocco, scopro con orrore) e giochi vari. Arrivo previsto: ore 17:00. Arrivo reale: ore 20:00.

Anche questa è fatta, e pare ci sia andata meglio che ad altri (una mia classe, con percorso analogo, il primo giorno è arrivata in albergo alle 2 di notte, il mio terzo, causa nube vulcanica, rischia di non andare da nessuna parte).

Poi si leggono notizie come questa e si pensa, egoisticamente, che potevamo essere noi quando giocavamo a pallone in mezzo al paese, quando facevamo le fote a Siracusa, quando attraversavamo gallerie , quando guardavamo l'alba dal ponte della nave, quando scalavamo l'Etna, quando salivamo sui faraglioni, quando stavamo seduti sotto un portone a chiacchierare. Quando, insomma, c'era sempre il sole e non eravamo mai vecchi, come dice questa canzone. Gli dèi, evidentemente, ci hanno sorriso.

19 aprile 2010
vita scolastica
Where the sun is always out and you never get old - 4

(qui la terza parte) Non è che ad Aci Reale ci sia molto da fare, quindi per l'ultima sera in Sicilia torniamo nella piazza deserta della sera prima, solo che questa volta abbiamo un pallone, per cui la cosa si fa interessante, con tanto di partita con gli sparuti locali. Il giorno dopo, ci attendono due tappe per me nuove, l'Etna e Taormina.

Delle due tappe, l'Etna mi pare quella più intrigante (Taormina mi suona un posto finto, tipo Portofino), ed effettivamente merita. E' un po' lunga arrivarci, con la nostra carovana di tre pullman e una guida che parla ininterrottamente del nulla per circa due ore. Il colpo d'occhio è comunque notevole, ed è curiosissimo passare in poco tempo dal mare a un paesaggio che, metro dopo metro, sa sempre più di montagna. Pian piano si cominciano a vedere le colate degli ultimi anni, che lambiscono le case e gli alberghi (va bene che il suolo è particolarmente fertile, ma a me sembra folle mettersi a costruire case alle pendici o proprio sopra un coso del genere). Io avevo capito che saremmo arrivati a un rifugio a 1400 metri slm e che avrebbe fatto un po' freschino, ma nulla mi avrebbe preparato al fatto che il rifugio è in realtà a 1900 metri slm e che la temperatura è POLARE (io poi sono furbamente in pantaloni corti perché mi sentivo montanaro e mi aspettavo un contesto à la Tutti insieme appassionatamente) – ci manca solo la neve (che arriverà, eh). Il pullman ci molla davanti al rifugio e la guida sparisce nel nulla.

La massa indistinta di adolescenti spontaneamente sale alle volta dei Crateri Silvestri più piccoli, per quanto coperti da una fittissima nebbia, e io dietro, preoccupatissimo che loro cadano nel vuoto sottostante. E' impossibile capirci qualcosa, per cui dopo un po' torniamo al rifugio.

La maggior parte dei fanciulli si getta sui salsicciotti che vendono davanti al rifugio ma, avendo ancora una mezz'oretta a disposizione (utile, salire fin qua su per restarci meno di un'ora, vero?), con i soliti quattro maschietti tentiamo la scalata a un cratere più impegnativo. Loro scattano tipo velocipedi, io arranco con fatica (la roccia vulcanica tende a farmi scivolare, e ogni 10 cm in sù sono 15 in giù, più o meno) ma alla fine arrivo in un posto che pare un altro pianeta:


Per la discesa, ci sembra troppo facile passare per la strada che abbiamo fatto all'andata, per cui ci lasciamo scivolare sulla parete, 'surfando' sulla roccia (temo esistano foto che mi ritraggono nell'impresa) e distruggendo di conseguenza un paio di pantaloni. Ovviamente, comincia a nevicare. Si torna in pullman e via, verso Taormina, con l'impressione di aver fatto qualcosa di speciale. (continua...)

15 aprile 2010
vita scolastica
Where the sun is always out and you never get old - 3

(qui la seconda parte) I tempi sono stretti, e in fretta e furia ci portano a Ortigia per una breve visita della chiesa di santa Lucia (trionfo del neopaganesimo siciliano, un po' perché la chiesa è costruita sulle colonne del vecchio tempio di Atena e un po' perché vi sono pezzi di santa come reliquia). Il pranzo è libero, e io porto i miei alla fonte Aretusa, poi con quattro maschietti tentiamo l'assalto ad una specie di fortezza che chiudeva poco prima, e finiamo col mangiare i panini dell'albergo davanti alla facoltà di Architettura (conseguenti raccomandazioni mie di iscriversi a facoltà vere e non a sociologia).

A questo punto inizia l'epopea dei due palloni. Il primo, un supertele blu, ce lo regalano dei tizi che stavano su un peschereccio carico di palloni (che Siracusa sia il centro mondiale del contrabbando di Supertele?), mentre il secondo, un pallone in cuoio che aveva visto tempi migliori, ce lo regala una seconda barca, per non sfigurare con la prima. Il supertele ci abbandonerà presto, perché, quando arriviamo a Noto, i miei si mettono a giocare a pallone nel parcheggio, la palla viene intercettata da un bambino tedesco di due anni che non vuole ridarcelo e i miei hanno paura che pianga, per cui il pallone resta al piccolo Schultz; per evitare che si facciano rubare anche l'altro pallone, lo sequestro, mentre ci raggiunge la guida, una curiosa figura di notiense doc che riesce, miracolosamente, a coinvolgere i ragazzi, grazie a canzoncine in dialetto, ninne nanne struggenti sulla storia di infelici fanciulle costrette al monachesimo e raccontini piccanti sulle tresche extramatrimoniali di Ferdinando II di Borbone (io l'ho sempre detto che i Borbone hanno rovinato il meridione).

Scopriamo inoltre che Guido Bertolaso ha regalato un organo alla cattedrale di Noto, cattedrale i cui pavimenti sono stati scelti da Vittorio Sgarbi e madrina dei restauri è stata Milly Carlucci. L'Italia è davvero un paese disperato.

Prima di lasciare Noto, ci abboffiamo di cannoli e arancini mentre il pullman muove alla volta di Aci Reale. Ah, i miei hanno scoperto PhotoBoot:

(continua)

12 aprile 2010
musica
Where the sun is always out and you never get old - 2
(qui la prima parte) Io avevo capito che appena sbarcati saremmo stati un'ora a Catania, invece siamo finiti ad Aci Trezze, il paese dei Malavoglia (io avevo sempre pensato fosse un posto inventato, tipo 'la terra di Mezzo'), con tanto di Casa del Nespolo (ma di lupini neanche l'ombra); sul lungo mare ci sono dei faraglioni (lanciati da Polifemo contro la nave di Odisseo, tipo) sui quali i ggiovani prontamente si arrampicano, verosimilmente sotto la nostra responsabilità.

Riusciamo comunque a mangiare il primo di molti arancini e a ritrovare il pullman, che ci porta in albergo, ad un'altra Aci (Reale). L'ultima volta l'albergo era perso nel nulla e sapeva molto di colonia del ventennio, ma ora siamo in un hotel un po' pretenzioso (malgrado la carta da parati in camera mia sia alquanto cedevole), più o meno nel centro della cittadina. Non sto qui a descrivere l'epopea dell'ottenimento chiavi delle stanze, né la vastità dei corridoi né il numero smisurato di adolescenti che vi si aggirano prima di cena, ma è immaginabile.

Per il dopocena, l'appuntamento è nella hall alle 22:00, ma coi miei usciamo solo alle 22:25 (i cinque maschietti della classe si fanno aspettare, causa partita), alla volta del 'centro' di Aci Reale. La cittadina è baroccheggiante (tutta la Sicilia a me pare solo un immenso palcoscenico barocco) e ci sono un paio di piazze carine, con dei bar di cui noi sembriamo essere gli unici avventori. Sperimento la prima granita del viaggio, mentre i miei sono presi in una discussione ecclesiologica sui recenti scandali pedofili. Si avvicina la mezzanotte e il compleanno di un mio fanciullo, per il quale i compagni hanno comprato una bottiglia di spumante e così brinndiamo, in un paesello che si fa sempre più deserto man mano le altri classi tornano in albergo.

Il fatto ha voluto che avessimo un solo giorno interamente su suolo siciliano e la tabella di marcia prevede la sequenza classica Siracusa-Noto, per cui tentiamo una sveglia alle 06:45 che viene intesa da alcuni dei miei come 07:55.

Caricati a forza in pullman, la carovona si muove verso le 08:20, aggirandosi per le stradine di Aci Reale alla volta di Siracusa, dove arriviamo verso le dieci e dove scopriamo che ci siamo persi un pullman per strada. Salterà poi fuori che sono stati fermati dai Carabinieri che, in un delirio di legalismo sfrenato, hanno voluto controllare tutto, comprese le ultime verifiche dell'estintore e l'utilizzo del disco orario negli ultimi tre giorni (qui sarebbe da aprire una parentesi sulla presenza dello Stato in Sicilia, quasi soffocante per quando riguarda vigili urbani e spesso latitante nei troppi nodi ancora irrisolti).

Alla fine ci raggiungono e possiamo cominciare la visita della nea polis (senza, ahimé, il museo). E così si torna alle Latomie e al teatro, che è sempre uno spettacolo. Poco sopra il teatro c'è lo sbocco di un acquedotto romano, sotto il quale facciamo la doverosa foto di classe, non senza un paio di cadute nella pozza sottostante... (continua)

11 aprile 2010
vita scolastica
Where the sun is always out and you never get old - 1

L'ultima volta in Sicilia fu un viaggio tranquillissimo in aereo (un po' meno al ritorno), nel quale, con un'oretta di volo arrivammo sereni e felici in quel di Catania. Questa volta, le cose sono un po' diverse, grazie ad un'organizzazione, come dire, discutibile. Intanto i numeri:
  • totale di classi coinvolte: 10

  • totale alunni: 152

  • totale docenti: 10

  • totale docenti affidabili: non pervenuto

  • totale di ore previste per il viaggio: 37

  • totale di ore previste sul suolo siciliano: 48

La partenza della nave è prevista per le 22:30 dal porto di Civitavecchia e, manco dovessimo andare nello Yemen, ci viene detto di trovarci al porto per le 20:00. La prima sorpresa è che io non risulto nell'elenco dei partecipanti e pertanto non ho una cabina sulla nave (la cosa sarà, deo gratias, risolta a bordo).

Imbarcati intorno alle 21, la prima ora è trascorsa dall'indistinta massa di adolescenti nnel sistemarsi nelle cabine, mentre io in cabina guardo 24. Non esistono opzioni per la cena (intanto la nave salpa, con più di un'ora di ritardo) se non l'esoso self-service di bordo, con i ragazzi che si dividono tra spendaccioni (15 euro per una fettina panata e due patatine fredde) e ribelli (che vanno avanti a bustine di zucchero e alpenliebe); come già appurato nel mio primo viaggio in nave con la scuola, è impossibile tenerli fermi, e loro giocano a Twister (giuro) e a Uno.

La notte scorre 'tranquilla' (tranne che per il freddo delle cabine) e la mattina, verso mezzogiorno, siamo in vista di una 'montagna che fuma' (lo Stromboli, credo). Consueto pranzo esoso (i miei ribelli si sono dati al manzoniano assalto ai forni e vanno avanti a pane e acqua), noia esistenziale a bordo e siamo in vista dello stretto di Messina, con un'ora di ritardo. In tv c'è Beautiful e i ragazzi girano mezzi addormentati e annoiati per la nave, mentre la volenterosa collega di matematica tenta di costruire un sistema per far entrare tutti i fanciulli nelle camere d'albergo, in combinazioni 4-3-2; giova ricordare che via telefono l'albergo cambierà un paio di volte il numero/combinazione di stanze, costringendoci ad inimmaginabili calcoli. Verso le 18, si vede terra all'orizzonte... (continua)

17 dicembre 2008
vita scolastica
antistasi


In II liceo stiamo traducendo un'orazione di Andocide, Sui misteri. E' uno dei testi chiavi di uno scandalo che, nel 415 aC, scoppiò ad Atene, in piena guerra del Peloponneso, alla vigilia della partenza delle navi per una poi disastrosa spedizione in Sicilia, che avrebbe per sempre fiaccato la potenza ateniese.

Come noto, dei ggiovani mutilarono nottetempo le statue di Ermes che si trovavano ai lati delle strade di Atene e l'atto vandalico non fu letto come una 'ragazzata' ma come parte di una strategia della tensione per favorire un coup oligarchico, che avrebbe coinvolto anche Alcibiade, da poco nominato capo della spedizione militare.

Fatto sta che la città si risvegliò nel panico più assoluto (disperati proclami di innocenza, torture di liberi cittadini, defezioni improvvise di consiglieri, arresti sommari e quant'altro).

Come riferisce Andocide (pure lui uno degli accusati), un tale Dioclide raccontò che, la notte prima della mutilazione delle Erme, aveva visto circa 300 individui scendere dall'Acropoli, radunarsi in gruppetti vicino al teatro di Dioniso e confabulare misteriosamente.

Al mattino, resosi conto di quanto accaduto, denunciò una quartantina di questi 300 (quelli che diceva di aver riconosciuto al chiar di luna – peccato che fosse una notte di novilunio, pare – e infatti Dioclide fu condannato a morte, 'per falsa testimonianza', diremmo noi) che effettivamente vennero arrestati (per capire un po' meglio come andarono le cose, c'è un librettino di Canfora, molto ben fatto).

Questo solo per dire che ci sono posti, come l'Acropoli di Atene, in cui si fa la storia.
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte