.
Annunci online

cheremone
gaze at the moon until I lose my senses

NEW!!! 

Pet Shop Boys together Mylène Farmer oui mais... non Glee Cast teenage dream Lady Gaga born this way Subsonica il diluvio The Wanted gold forever The Sound Of Arrows nova Eric Saade popular Lady Gaga judas Depeche Mode personal jesus (the stargate mix) Example changed the way you kiss me

 
 

Locations of visitors to this page

c i n q u e l i b r i
Georges Simenon maigret e il ladro indolente Charles Baudelaire saggi sulla letteratura Georges Buby e Michelle Perrot storia delle donne - l'ottocento Guido Gozzano
i colloqui Achille Campanile manuale di conversazione

c i n q u e c a n z o n i
Bananarama careless whisper Manic Street Preachers hazelton avenue Eddy Grant
 I don't wanna dance Groove Armda tuning in Pussycat Dolls whatcha think about that

d v d
dexter season 3 queer as folk season 3 family ties season 3 the simpsons season 13 friday the 13th jason x south park season 2 lie to me season 2 kyle xy season 4 star trek the motion picture hung season 1 glee season 1 earth: final conflict season 2 lost season 6 fringe season 2 24 season 8 coupling season 1 gregor jordan the informers nip/tuck season 6 misfits season 1 v season 1 true blood season 2 curb your enthusiasm season 2 californication season 3 the big bang theory season 1 skins season 5 dynasty season 1 lazzaretti/santolini domani torno a casa pier paolo pasolini salò seinfeld season 1 woody allen incontrerai l'uomo dei tuoi sogni spartacus season 1 the walking dead season 1 bones season 1 faenza/macelloni silvio forever

canzoni che dicono qualcosa
001 / The Smiths
panic
002 / Fiamma Fumana bella ciao 003 / Depeche Mode personal jesus 004 / New Order true faith 005 / The Cure killing an arab  006 / Johnny Cash san quentin 007 / Edith Piaf non, je ne regrette rien 008 / The Clash london calling 009 / Shirley Bassey climb ev'ry mountain 010 / Dusty Springfield I close my eyes and count to ten 011 / Blondie atomic 012 / human league don't you want me 013 / Pet Shop Boys integral 014 / Joy Division love will tear us apart 015 / The Pogues & Kirsty McColl fairytale of new york 016 / Saez jeune et con 017 / Soft Cell say hello wave goodbye

21 gennaio 2011
televisione
american skins
Mentre in Inghilterra parte la quinta stagione, negli Stati Uniti è andata in onda sull'MTV locale la versione americana di Skins (da cui sono dipendente, ormai da due anni e mezzo).

Dato che l'idea che degli adolescenti si droghino (!) o facciano anche sesso (!!) è parsa terrificante, nel giro di poche ore sui siti destrorsi che promuovono 'verità e virtù' sono apparse cose come questa, in cui tra l'altro non mancano imprecisioni varie, già dalla seconda riga (l'originale non è della BBC
ma di E4).

Come dicono al tg2, "è subito polemica", con sponsor che si ritirano ed accuse di pornografia minorile (!), manco fossimo ad Arcore (dove, eventualmente, si parla di realtà, non di fiction).

Crescete, e guardate Skins, che merita.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. skins season 5 mtv stati uniti bbc e4 arcore tg2

permalink | inviato da cheremone il 21/1/2011 alle 21:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
12 ottobre 2008
musica
why do we always cry this way
E con dimanche siamo andati al Coca-Cola Live @ MTV di cui si parlava qui, per vedere i Cure (prima però ci siamo dovuti sorbire John Legend e Marracash - che io pensavo immigrato di seconda generazione, invece pare sia milanese).

I Cure hanno prima suonato tutto il nuovo album 4:13 (l'iniziale Underneath the stars è indescrivibilmente bella e le ultime due canzoni sono, come dire, toste - l'album esce il 27 ottobre) e poi, per 40 minuti, hanno cantato cose come Lullaby, Fascination street, Wrong number (!), Lovesong, Just like heaven, Inbetween days, Friday I'm in love, The end of the world, The walk e Boys don't cry
(io ho pianto). Epici.
18 luglio 2008
televisione
it's hard to get by just upon a smile


Una delle poche cose decenti a passare sulla mtv italiana, Skins è una serie tv inglese, che ha per protagonisti dei 17enni di Bristol, un filino disfunzionali (con genitori ancora più disfunzionali, pare) ed ha momenti assolutamente geniali. Non siamo esattamente dalle parti del patetico I liceali, ecco.  

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. skins mtv bristol i liceali

permalink | inviato da cheremone il 18/7/2008 alle 15:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
1 novembre 2007
musica
non solo vanilla ninja, pare
E’ la serata degli EMA (European Music Awards, per chi non è addentro) di MTV da Monaco, pare (motivo per cui ho deciso di seguire lo ‘spettacolo’ sull’emtivì tedesca).

Le ‘nominations’ quest’anno sono più inverosimili del solito (e non mi riferisco a ‘artista italiano’ ma a cose come ‘ultimate urban’, cioè Rihanna) e sarebbe carino se vincessero persone significative (i. e. non Avril Lavigne).

Per convincerci che si tratti di un ‘evento’, già un’ora prima dell’inizio fanno una specie di anteprima che inizia con la nuova pettinatura di Joss Stone e le sue profonde osservazioni sul cioccolato tedesco (‘I like it’) e prosegue con un filmato sulla Germania nel quale tutti parlano di ‘birra’ e c’è poi (siccome siamo da quelle parti) uno dei Rammstein che non pare entusiasta di discutere il concetto ‘Tokio Hotel’ (i quali poi si fanno piovere addosso mentre cantano Monsoon – perché il ‘monsone’ è un vento che porta pioggia, pare).

A condurre hanno chiamato il tristissimo Snoop Dogg (che qui vedevamo impegnato a racimolare qualche centinaio di dollari) che al momento parla poco e presenta i Foo Fighters (Dave Grohl pare inquietantemente uno dei Finley).

A proposito di categorie poco limpide, esiste una cosa che premierebbe il miglior ‘Inter act’ (internazionale? interattivo? interclassista?); visto che vincono i Tokio Hotel su gente come i Depeche Mode, non si deve trattare di un premio importante (va detto che ora Bill ha imparato a bofonchiare quattro parole in inglese, cosa che alla finale del Festivalbar non gli veniva).

Il primo grande momento della serata si ha quando Mika canta Grace Kelly in un’ambientazione che pare un incrocio tra Nightmare before Christmas di Tim Burton e Alice nel paese delle meraviglie.

Il miglior discorso di ringraziamento per un premio ('Artists’ choice', tipo) è quello di Amy Winehouse, che non dice assolutamente niente e poi canta (e pare quasi sobria).

Fastidioso il duetto fra uno dei Black Eyed Peas e Nicole delle Pussycat Dolls, ma almeno lei ha la dignità di vestirsi un po’ (ma poco, eh) meglio del solito.

La vittoria dei Bushido (miglior gruppo tedesco) fa sì che possa vedere solo in differita J-Ax ringraziare quelli che ‘spingono’ la sua ‘roba’, cosa che però non attenua il mio malessere a scoprire che uno così sia meglio di, chessò, Elisa.

Per finire, l’unico premio che sembra davvero rappresentare qualcosa di nuovo e non va ad Avril Lavigne: il premio ‘New sounds of Europe’ va agli estoni Bedwetters (preoccupantemente simili ai My Chemical Romance, ahimé) che chiudono la serata.

(qui gli EMA del 2004 e qui quelli del 2005 - mi sa che ho rimosso quelli del 2006)
20 ottobre 2007
musica
coming up
Backstreet Boys; Inconsolable: io li ho difesi fino all’ultimo ma con questa ballatona ora sono ufficialmente insopportabili. BASTA.

Britney Spears; Gimme more: insopportabile anche lei, pur facendo finta di non ricordare quanto accaduto agli MVA di Mtv. Quest’ultimo ‘prodotto’ è apprezzabile sono per l’incipit (It’s Britney, bitch!) e poco più.

Youssou N’Dour feat Neneh Cherry; Wake up (it’s Africa calling): 13 (!) anni fa i due fecero una cosa splendida che si chiamava 7 seconds (qui il video), ora ci riprovano con un nuovo brano (che si può sentire qui), un po’ troppo pieno di trombe. Temo un fiasco epocale, malgrado le buone intenzioni.

Paul Oakenfold; Greatest hits & remixes: triplo (!) cd che raccoglie il meglio di uno dei dj più influenti degli ultimi anni. Ci sono remix a suo tempo pubblicati di gente come i Cure, Justin Timberlake, gli Stone Roses e altri, oltre ad alcuni remix inediti, tra cui, sorpresa sorpresa, un remix di Everything in its right place dei Radiohead.

R. E. M. ; Live: un disco dal vivo è sempre un po’ coraggioso (i dischi live importanti si contano sulle dita di una mano), qui poi non ci sono solo brani stranoti (Losing my religion, Everybody hurts et similia) ma anche parecchie canzoni non frequentatissime (Cuyahoga!) e quello che credo sia un inedito, I’m gonna DJ. Nel frattempo, qui c’è una nuova canzone di studio, Until the day is done, usata dalla CNN per una serie di documentari sull’ambiente.
8 agosto 2007
musica
vma 2007
Scopro qui le candidature per gli MTV Video Awards (VMA, pare) del prossimo 9 settembre a Las Vegas. Nel dettaglio, i migliori/peggiori sono:

Miglior gruppo: risibili le candidature (Fall Out Boy! Maroon 5!); spero vincano gli White Stripes, essenzialmente perché Prickly thorn but sweetly worn è meravigliosa.

Miglior nuovo artista
: se non vince Amy Winehouse è una vergogna, anche se, tecnicamente, non è molto ‘nuova’ visto che Back to black è il suo secondo album.

Artista donna dell’anno
: ad eccezione delle terribili Beyoncé e Fergie, le altre tre sono meritevoli di vincere TUTTO.

Artista uomo dell’anno
: qui sono tutti brutti e cattivi; speriamo vinca Justin Timberlake.

Singolo ‘mostruoso’ dell’anno
: vista la presenza di Girlfriend di Avril Lavigne, uno pensa che ‘mostruoso’ sia nel senso di terribile.

Miglior collaborazione
: troppo Akon.

‘Quadruple threat of the year’
: categoria intraducibile che, anziché punire, premia quelli che fanno anche gli ‘attori’ (Beyoncé) e Bono.

Video dell’anno
: speriamo vincano i Justice per D. A. N. C. E. , che almeno sembrano diversi dagli altri.

Miglior coreografia
: se non vince My love di Justin Timberlake è uno scandalo.

Ci sono anche premi per il miglior ‘editing’ e la miglior regia.

E  per finire, per la serata del 9 settembre si annuncia un'esibizione dei Foo Fighters.

27 giugno 2007
politica estera
deontologia
E’ sempre interessane vedere come i giornali italiani adattano a loro uso e consumo le ‘notizie’; il New York Times (insieme alla CBS e, ahinoi, a MTV) ha fatto un sondaggio sui ggiovani americani.

Al Corriere.it hanno copiato (a tratti parola per parola) l’articolo originale, evitando però di riportare alcuni dati o dando un peso spropositato ad altri. Siccome non ho un granché da fare questo pomeriggio, vediamo le cose nel dettaglio:

All’inizio il NYT riassume l’articolo mettendo in evidenza i seguenti punti: i ggiovani americani sono più propensi rispetto all’elettorato nel suo insieme a un sistema sanitario pubblico (62% al 47% della popolazione totale), a nessuna restrizione sull’immigrazione (30% contro 24%), ai matrimoni fra persone dello stesso sesso (44% a 28%) e a ritenere la guerra in Iraq un successo (!).

Secondo il Corriere, vorrebbero un Democratico come Presidente (54% dei ggiovani contro 49% di tutti), sono favorevoli al sistema sanitario pubblico, a nessuna restrizione all'immigrazione e ai matrimoni fra persone dello stesso sesso, e ‘si dicono favorevoli all’aborto’.

Da notare che è ‘apparso’ l’aborto e ‘scomparso’ l’Iraq.

Sul tema dell’aborto, a cui il Corriere dà particolare rilievo, il NYT dice che in realtà le percentuali dei ggiovani rispecchiano quelle della popolazione nel suo complesso, che non è che sia ‘favorevole all’aborto’ ma che ritiene che sia lecito solo a determinate condizioni (anzi, la posizione dei ggiovani assolutamente contraria all’aborto è maggioritaria rispetto a quella dell’intera popolazione che la pensa così: 24% a 21%)

Ma molto più interessante il fatto che nel Corriere venga completamente omesso il dato sull’Iraq (anche perché sarebbe in contraddizione con la foto che hanno messo nell’articolo, quella di una ‘manifestazione studentesca contro la guerra in Iraq’... ), per il quale il 51% dei ggiovani la politica statunitense in Iraq è ‘molto’ o  ‘in parte’ destinata al successo, contro il 45% della popolazione nel  suo complesso.

Il NYT, inoltre, specifica il metodo con cui è stato effettuato il sondaggio (il Corriere non ne ha idea) e soprattutto afferma che è dal 1992 che i ggiovani favoriscono i Democratici, il che spiega perché non sia dato particolare ruolo a questa preferenza, mentre secondo il quotidiano italiano ‘i tempi stanno davvero cambiando’...

4 novembre 2005
metanichilismo del nulla

(post cogestito)

    In preda a un sacco di cose da fare (e con la testa qui) e pure impegnato in una elevatissima discussione con jsp sullo stupido messenger, provo a seguire gli MTV Europe Awards da Lisbona (sull'mtv teutonica, che fa più figo, anche se è sfasata di qualche minuto, credo - alle 21.05 sono ancora nel pre-show), pur consapevole che celebrino solo se stessi e null'altro.


    Ma la cosa inizia con Madonna che canta Hung up e che balla (la coreografia, ahimé, è la stessa del video): lei è sempre meravigliosa ma l'esibizione non mi esalta (io le do 7, jsp 7--. 10+ per il culo, dice).


    Ora c'è Anastacia (media del voto mio e di jsp sul suo look: 6+) che annuncia il premio per il miglior album che vai Green Day (poteva andare peggio, visto che in lizza c'era pure 50Cent). 
   

    Le Sugababes (media look: tra il 6 e il 7) danno il premio per il miglior pop ai Black Eyed Peas
   

    Al che, arrivano i Coldplay che cantano Talk, cosa che dà senso alla serata, ma jsp annuncia di odiare Chris Martin (per me è carino-carino, per lui è supponente-supponente); siamo comunque d'accordo su due obiettivi a breve termine per lui: cambiare vestito ogni tanto e sbiancarsi i denti. 
   

    Durante la pubblicità si medita di colpire con un ferro da stiro chi critica Madonna, dicendo che è brava a far nulla (eresia! eresia!).
   

    Si intravvede Sean Paul (che piace a jsp, consapevole che non gli dovrebbe piacere, però) e poi il premio per il miglior hip-hop finisce a Snoop Dogg.


    Dopo una stacchetto comico (?), ci sono le disarmantemente volgari Pussycat Dolls che cantano la solita Don't cha con una fastidiosa coda pseudo-techno. 


    Due calciatori a me ignoti consegnano il premio per il miglior rock ai Green Day (secondo premio della serata) e jsp va a mangiare, mentre i Gorillaz sono sul palco di Lisbona a cantare  Feels good inc. (cosa un po' surreale, visto che NON SONO REALI). 
   

    Mi rendo conto che neanche MTV è reale con il suo momento demagogico-populista del pubblico che fischia al nome di George Bush e arriva il premio per la musica alternativa (alternativa a che? A emtivì?) va ai System Of A Down (ormai una multinazionale dell'alternativo) che ci spiegano che 'la civiltà è un totale fallimento'.


    Intravvedo Craig David e Alicia Keys che vince qualcosa, seguita dai Green Day che cantano Holiday


    JSP torna dalla pasta in tempo per Nelly Furtado e Shaggy e il premio per il miglior video (Believe dei Chemical Brothers - noi tifavamo per Keine lust dei Rammstein).


    John Legend presenta il premio per la miglior donna a Shakira ('genuina', secondo jsp).    


  L'incubo di serata si interrompe grazie all'arrivo di Robbie Williams che NON canta la meravigliosa Sin sin sin ma Tripping.


    Intanto, nel mondo reale, è arrivato dimanche


    Torna Madonna (estasi! estasi!) che zittisce la folla in delirio e annuncia il premio 'rigore etico' della serata a Bob Geldof


    Arrivano le tATu (qui si apprezza il nuovo taglio di capelli della mora) che danno il premio come miglior uomo a RW


    Poi il premio per il miglior debutto va a James Blunt, cosa che dimostra la totale inadequatezza di questa premiazione. 


    Un po' di volgarità da parte del presentatore e arriva Alison dei Goldfrapp (finirà mai la serata?) che consegna il premio come miglior canzone ai Coldplay per Speed of sound (meritoriamente, mi sento di aggiungere). 


    E' il momento del premio nazionale e, siccome sono su mtv.de, scopro con piacere la vittoria dei Rammstein come migliori artisti tedeschi (così non mi tocca vedere i Negramano), seguiti dai Gorillaz (in carne ed ossa! Senza Damon!) che vincono come miglior gruppo. 
   


E dopo una rumorosissima esibizione dei System Of A Down il tutto finisce. Finalmente.

18 novembre 2004
piccole bugie

MTVitalia sta facendo vedere i Cure dal colosseo, con sovraimpresso 'live', cosa che non è.


Basta fare un salto sulla vera MTV europea e, voilà, la sovraimpressione, ovviamente, è scomparsa.

Cioè, MTVitalia inganna gli italiani e i romani in particolare, gli unici cioè che proprio non ci possono cadere...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mtv the cure colosseo

permalink | inviato da il 18/11/2004 alle 20:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
18 novembre 2004
curekaraoke

Sono appena tornato dal Colosseo, dove sono stato in mezzo ad un cumulo indistinto di tardo-adolescenti ottenebrati dall'alcol, da sostanze stupefacenti e da decisamente troppa televisione, il tutto per gli EMA.


L'esibizione dei Cure, ahimé, non è stata eccezionale (forse ero troppo lontano per vederla bene) e si sono concentrati sulle canzoncine un po' troppo facili facili, tipo Let's go to bed. Ma hanno cantato Fascination street e ho rivisto Roberth Smith, il che va più che bene.

Ah, malgrado il puritano approccio di MTV a tutto ciò che è reale, ho visto Francesco "il nongiovane" fumare una sigaretta.

sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte