.
Annunci online

cheremone
gaze at the moon until I lose my senses

NEW!!! 

Pet Shop Boys together Mylène Farmer oui mais... non Glee Cast teenage dream Lady Gaga born this way Subsonica il diluvio The Wanted gold forever The Sound Of Arrows nova Eric Saade popular Lady Gaga judas Depeche Mode personal jesus (the stargate mix) Example changed the way you kiss me

 
 

Locations of visitors to this page

c i n q u e l i b r i
Georges Simenon maigret e il ladro indolente Charles Baudelaire saggi sulla letteratura Georges Buby e Michelle Perrot storia delle donne - l'ottocento Guido Gozzano
i colloqui Achille Campanile manuale di conversazione

c i n q u e c a n z o n i
Bananarama careless whisper Manic Street Preachers hazelton avenue Eddy Grant
 I don't wanna dance Groove Armda tuning in Pussycat Dolls whatcha think about that

d v d
dexter season 3 queer as folk season 3 family ties season 3 the simpsons season 13 friday the 13th jason x south park season 2 lie to me season 2 kyle xy season 4 star trek the motion picture hung season 1 glee season 1 earth: final conflict season 2 lost season 6 fringe season 2 24 season 8 coupling season 1 gregor jordan the informers nip/tuck season 6 misfits season 1 v season 1 true blood season 2 curb your enthusiasm season 2 californication season 3 the big bang theory season 1 skins season 5 dynasty season 1 lazzaretti/santolini domani torno a casa pier paolo pasolini salò seinfeld season 1 woody allen incontrerai l'uomo dei tuoi sogni spartacus season 1 the walking dead season 1 bones season 1 faenza/macelloni silvio forever

canzoni che dicono qualcosa
001 / The Smiths
panic
002 / Fiamma Fumana bella ciao 003 / Depeche Mode personal jesus 004 / New Order true faith 005 / The Cure killing an arab  006 / Johnny Cash san quentin 007 / Edith Piaf non, je ne regrette rien 008 / The Clash london calling 009 / Shirley Bassey climb ev'ry mountain 010 / Dusty Springfield I close my eyes and count to ten 011 / Blondie atomic 012 / human league don't you want me 013 / Pet Shop Boys integral 014 / Joy Division love will tear us apart 015 / The Pogues & Kirsty McColl fairytale of new york 016 / Saez jeune et con 017 / Soft Cell say hello wave goodbye

16 ottobre 2008
vita scolastica
un post pallosissimo ma doveroso
Quando uscì una prima versione del 'decreto Gelmini', non pareva una cosa terribile, ma col tempo è cambiato ed ha cominciato ad assumere aspetti un po' inquietanti. Stando al sito del Parlamento, la versione in fase di conversione è quella del 1° settembre 2008, ma in realtà il testo, approvato dal Parlamento con vari emendamenti, dovrebbe essere questo ed è quindi questo il testo che arriverà in Senato il 21 ottobre, e che, per diventare legge, dovrà essere approvato entro il 31 ottobre. Se uno non ha niente di meglio, può dargli uno sguardo:

L'articolo 1 comma 1 prevedeva l'avvio di “azioni di sensibilizzazione e di formazione del personale finalizzate all'acquisizione nel primo e nel secondo ciclo di istruzione delle conoscenze e delle competenze relative a”Cittadinanza e Costituzione”, nell'ambito delle aree storico-geografica e storico-sociale e del monte ore complessivo previsto per le stesse”; a questo è stato aggiunto un comma 1-bis che, credo per insistenza leghista, prevede questo: Al fine di promuovere la conoscenza del pluralismo istituzionale, definito dalla Carta costituzionale, sono altresì attivate iniziative per lo studio degli statuti regionali delle regioni ad autonomia ordinaria e speciale. Questo implicherebbe dedicare tempo allo studio di una cosa come questa, che mi pare un po' una perdita di tempo. A proposito di tempo, visto che il monte ore non viene intaccato, quando esattamente dovrei fare questo? Da altre parti si legge che questa 'Cittadinanza e Costituzione' diventerebbe una vera e propria materia a parte, con voto specifico (il che aumenterebbe il numero delle materie, anziché diminuirlo) e 33 ore annuali. Ma veniamo al punto specifico: nel biennio del classico (mi limito alla scuola che conosco meglio), si hanno, settimanalmente, due ore di storia e due di geografia; visto che, come ripeto, il monte ore non viene mutato, avremmo due ore di storia, una di C&C (chiamiamola così) ed una di geografia, materia già penalizzata dalla preparazione più umanistica che scientifica dei docenti interessati. Il che porterebbe il docente di Lettere ad insegnare SEI materie (italiano, latino, greco, storia, C&C, geografia), contro le cinque attuali. E non si dica che già adesso si insegna 'storia ed educazione civica', perché, nella situazione attuale, 'educazione civica' è insegnata in maniera trasversale (quando faccio storia greca, parlo di 'democrazia', quando faccio geografia parlo per ore della Costituzione americana, quando concedo l'ora per l'assemblea di classe educo alla partecipazione, quando traduco Lisia parlo di diritto etc. ). C'è infine anche un comma 2, che recita: “All'attuazione del presente articolo si provvede entro i limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente”. Il che implica che non sono investiti soldi sulla cosa e che, immagino, si debba, aggiungendo una materia, adottare un altro libro di testo, cosa non ben collegata alla diffusa lamentale delle spese per i libri di testo, no?

L'articolo 2 è quello sul 'voto in condotta' (cui ora si integra un comma 1 bis sull'edilizia scolastica, producendo un monstrum giuridico con cose che non c'entrano niente l'una con l'altra). Questo del voto di condotta mi pare un provvedimento demagogico, senza granché senso. L'articolo afferma che “La votazione sul comportamento degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a sei decimi, la non ammissione al successivo anno di corso o all'esame conclusivo del ciclo”. I punti sono due: se il voto di condotta concorre alla valutazione complessiva, farà media, immagino, per l'assegnazione dei crediti durante il triennio. Il che vorrà dire che, per la maggioranza degli studenti, che avranno verosimilmente voti alti in condotta, ci sarà una 'materia' in più ed una buona possibilità di alzare il credito, solo per il fatto di non usare il cellulare in classe. Quanto poi alla possibilità di fermare i 'bulli' con un voto in condotta sotto il sei, basta ricordare che, teoricamente, un alunno è fermabile anche con un solo voto sotto il sei, ed il bullo, penso, difficilmente presenterà un quadro di ottime valutazioni con 'solo' un problema di condotta. Gli strumenti per fermare il 'bullismo', se la bocciatura è davvero un sistema per fermare il 'bullismo', esistono già.

L'articolo 3 propone la valutazione numerica del rendimento scolastico per la scuola primaria, partendo dal presupposto che un genitore non capisca il sintagma 'non sufficiente' mentre comprenda il concetto di '5'. Per mia ignoranza non so se il resto  dell'articolo vada a modificare i criteri di ammissione alla classe successiva nella scuola primaria e nella secondaria di primo grado.

L'articolo 4 affronta la vexata quaestio del 'maestro unico' alle elementari, cosa che non appariva nel ddl originario. Quello che davvero mi sconvolge è che la scelta del maestro unico non nasca da un vero dibattito pedagogico ma esclusivamente da fattori economici ('razionalizzazione', la chiamano). C'è su questo una cosa di Paola Cortellesi che ha del geniale.

L'articolo 5, sui libri di testo, nascerebbe dalla volontà di intervenire sui prezzi e finisce col diventare un pesante attacco alla libertà di insegnamento. Se da una parte “i competenti organi scolastici adottano libri di testo in relazione ai quali l'editore si è impegnato a mantenere invariato il contenuto nel quinquennio”, dall'altra gli editori possono pubblicare “eventuali appendici di aggiornamento da rendere separatamente disponibili”, cosa che di certo non fa diminuire il costo dei libri di testo ma anzi potrebbe, teoricamente, produrre un incremento di spese. Non capisco poi perché i libri, “salva la ricorrenza di specifiche e motivate esigenze”, debbano essere adottati “ogni sei anni, a valere per i successivi sei anni”. Mi spiego, quest'anno al triennio è adottato il manuale di letteratura X, che l'attuale I porterà avanti (ci sono in tutto tre volumi) fino alla fine del corso. Per quale motivo, o con quale vantaggio per le famiglie, tutto il triennio della mia sezione dovrebbe avere lo stesso manuale fino al 2014??? E se il manuale si rivelasse inadatto perché, chessò, spiega male Omero? Non sto parlando di cambiare testo in corso d'anno, solo del diritto del docente a valutare che forse un altro manuale è migliore. Follie.

Gli altri articoli sono più tecnici. Rispetto al ddl di agosto, sono spariti gli articoli 3, 5 e 6. Il 6 parlava di una 'carta dello studente', il 5 complicava il già complesso sistema delle supplenze annuali, mentre il 3 esplicitiva il mantenimento del decreto Fioroni sui debiti, e la sua sparizione un po' mi preoccupa.

C'è chi crede che quanto espresso nel decreto attualmente in fase di conversione sia 'poco' per l'attuale protesta. Provate allora a leggere il disegno legge Aprea, che pone fine alla scuola come la conosciamo e trasforma le singole scuole in fondazioni, rette da consigli di amministrazione, 'privatizzando', di fatto, tutto il sistema.
12 luglio 2007
letteratura
advice for the young at heart
Sto (ri)leggendo (san) Tondelli e ho trovato questi consigli per ggiovani scrittori e ho pensato che dentro c'è proprio tutto Tondelli, la vita vera (il riferimento agli zaini è bellissimo) e la letteratura (la cura di ogni frase, di ogni parola).

Ecco alcune indicazioni, come per un tema in classe.


Scrivete non di ogni cosa che volete, ma di quello che fate.

Astenetevi dai giudizi sul mondo in generale (ci sono già i filosofi, i politologi, gli scienziati ecc. ), piuttosto raccontate storie che si possano oralmente riassumere in cinque minuti.

Raccontate i vostri viaggi, le persone che avete incontrato all’estero, descrivete di chi vi siete innamorati, immaginatevi un lieto fine o una conclusione tragica, non fate piagnistei sulla vostra condizione e la famiglia e la scuola e i professori, ma provateli a farli divenatare dei personaggi, e, quindi, a farli esprimere con dialoghi, tic, modi di dire.

Descrivete la vostra città, esercitatevi a fare degli scritti descrittivi su quel che vedete dalla finestra, dall’autobus, dall’automobile.

Raccontate le vostre angosce senza reticenze piccolo-borghesi, anzi “spandendo il sale sulla ferita”.

Dite quello che non va e quello che sognate attraverso la creazione di un “io narrante” che non deve, per forza di cose, essere in tutto e per tutto simile a voi.

Iniziate a fingere, a dire bugie, a creare sulla carta qualcosa che parta dal vostro mondo, ma che diventi poi il mondo di tutti, nel senso che tutti noi che leggiamo possiamo comprenderlo.

Fate racconti brevi, ricordando che il racconto è il miglior tempo della scrittura emotiva e parlata.

Fate esercizi di questo genere: descrivere un fatto in una pagina, senza l’uso della punteggiatura, poi lo stesso fatto in un’altra paginetta solo attraverso il dialogo, poi ancora la stessa cosa come se fosse successa cento anni fa e la raccontaste da un’astronave.

Raccontate di voi, dei vostri amici, delle vostre stanze, degli zaini, dell’università, delle aule scolastiche.

Ricordate che quando vi mettete a scrivere, state facendo i conti con un linguaggio fluido e magmatico che dovrete adattare alla vostra storia senza incorrere nello stile caramelloso della pubblicità o in quello patetico del fumettone.

Il modo più semplice è scrivere come si parla (e questo è già in sé un fatto nuovo, poiché la lingua cambia continuamente), ma non è il più facile.

Non abbiate paura di buttare via.

Riscrivete ogni pagina, finché siete soddisfatti.

Vi accorgerete che ogni parola può essere sostituita con un’altra.

Allora, scegliendola, lavorando, riscrivendo, tagliando, sarete già in pieno romanzo.


(Pier Vittorio Tondelli, Under 25, in Opere – cronache, saggi, conversazioni, Bompiani)
28 aprile 2007
vita scolastica
la scuola insegna a non leggere
    Per motivi a me non limpidissimi (‘la scuola ha detto che ci avrebbe mandato gli alunni’), giovedì mattina mi toccherà portare una classe a una di quelle fastidiose iniziative per ‘sensibilizzare i giovani alla lettura’ (io pensavo che il termine ‘sensibilizzare’ avesse smesso di circolare nel 1977 o fosse usato solo dai dentisti col prefisso de-).
    Premesso che noi docenti dovremmo essere stati “edotti e adeguatamente sensibilizzati in precedenza”, cosa che, ahimé, non è successa, la cosa si prospetta invece interessante, anche se non andremo a tirare zucchine in testa ad Andrea De Carlo (questa cosa era due settimane fa) né a liberare cani contro Enrico Brizzi (a fine mese), in quanto l’incontro sarà con Giuseppe Culicchia.
    Che è un genio, un po’ perché ha scritto Tutti giù per terra, un po’ perché è stato scoperto da Tondelli (= Dio) ed un po’ perché è un ‘giovane scrittore’. Ma essenzialmente perché Il paese delle meraviglie è un capolavoro.
    Sarebbe stato bello aver saputo questa cosa un po’ prima, per, chessò, far leggere il libro ai ggiovani, o capire a che ora è (su un sito ho letto alle 11, a me hanno detto alle 10), comunque, on ira.


    (A proposito di ‘giovane scrittore’, oggi ho detto alla classe che Culicchia è appunto ‘un giovane scrittore, più o meno della mia età’, per sentirmi rispondere ‘ah, perché lei è giovane?’)
    (Sempre oggi, una mia alunna ha definito la musica emo ‘punk per fighetti’ - geniale)

sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte