.
Annunci online

cheremone
gaze at the moon until I lose my senses

NEW!!! 

Pet Shop Boys together Mylène Farmer oui mais... non Glee Cast teenage dream Lady Gaga born this way Subsonica il diluvio The Wanted gold forever The Sound Of Arrows nova Eric Saade popular Lady Gaga judas Depeche Mode personal jesus (the stargate mix) Example changed the way you kiss me

 
 

Locations of visitors to this page

c i n q u e l i b r i
Georges Simenon maigret e il ladro indolente Charles Baudelaire saggi sulla letteratura Georges Buby e Michelle Perrot storia delle donne - l'ottocento Guido Gozzano
i colloqui Achille Campanile manuale di conversazione

c i n q u e c a n z o n i
Bananarama careless whisper Manic Street Preachers hazelton avenue Eddy Grant
 I don't wanna dance Groove Armda tuning in Pussycat Dolls whatcha think about that

d v d
dexter season 3 queer as folk season 3 family ties season 3 the simpsons season 13 friday the 13th jason x south park season 2 lie to me season 2 kyle xy season 4 star trek the motion picture hung season 1 glee season 1 earth: final conflict season 2 lost season 6 fringe season 2 24 season 8 coupling season 1 gregor jordan the informers nip/tuck season 6 misfits season 1 v season 1 true blood season 2 curb your enthusiasm season 2 californication season 3 the big bang theory season 1 skins season 5 dynasty season 1 lazzaretti/santolini domani torno a casa pier paolo pasolini salò seinfeld season 1 woody allen incontrerai l'uomo dei tuoi sogni spartacus season 1 the walking dead season 1 bones season 1 faenza/macelloni silvio forever

canzoni che dicono qualcosa
001 / The Smiths
panic
002 / Fiamma Fumana bella ciao 003 / Depeche Mode personal jesus 004 / New Order true faith 005 / The Cure killing an arab  006 / Johnny Cash san quentin 007 / Edith Piaf non, je ne regrette rien 008 / The Clash london calling 009 / Shirley Bassey climb ev'ry mountain 010 / Dusty Springfield I close my eyes and count to ten 011 / Blondie atomic 012 / human league don't you want me 013 / Pet Shop Boys integral 014 / Joy Division love will tear us apart 015 / The Pogues & Kirsty McColl fairytale of new york 016 / Saez jeune et con 017 / Soft Cell say hello wave goodbye

1 aprile 2011
musica
still learning

Ormai definitivamente convertito ad iTunes, Intensive care è il primo album di Robbie che ho comprato in digitale (ora però ci vuole il formato fisico, con annesso dvd). Dopo una serie di dischi impeccabili (tranne questo), fu il suo primo lavoro "così così" (anche se Sin sin sin è sempre incredibile), anche perché la scelta di Tripping come singolo iniziale non fu feliccisma. Perà c'è Advertising space, che è parecchio ruffiana ma che continua ad essere una bellissima canzone:
29 marzo 2011
musica
meglio un bonifico

Non si capisce bene perché, per aiutare gli interventi umanitari in Giappone, sia uscita questa instant-compilation, Songs for Japan. Tutti i diritti d'autore vanno infatti alla nobile causa, ma penso si possa fare prima donando direttamente alla Croce Rossa (via iTunes, o anche da qui), no? O forse il disco è comunque meritorio, perché molti non donerebbero un euro senza averne qualcosa in cambio...

 Anyway, qui dentro c'è un remix inedito di Born this way di Lady Gaga, poche cose che c'entrano qualcosa (come la canzone dei Queen di cui parlavamo qua), altre che non c'entrano nulla (pare che Imagine di John Lennon vada ormai bene per tutte le cause), altre superflue (esiste qualcuno interessato ad una rarità dei Black Eyed Peas?) ed alcune pure un po' offensive - io avrei evitato una canzone come Only girl (in the world) di Rihanna, in cui si prospetta un mondo in cui è rimasta in vita una sola ragazza...
30 novembre 2010
cinema
I want to forget

Non sono mai stato un enorme appassionato di X-Files (chiedo venia), ma comunque mi piaciucchiava.

Credo comunque di aver visto più o meno tutta la serie e mi mancava solo il secondo film, I want to believe, ma ora (su iTunes si possono anche affittare i film - poi il file si autodistrugge, tipo) posso unirmi al coro dei detrattori.

E' una cosa priva di ogni senso, che si chiama "X-Files" per caso (la sceneggiatura poteva tranquillamente essere adattata ad un thriller di quarta categoria), in cui i cattivi sono i cattolici  aapostolici romani manco fossimo in un libro di Dan Brown e in cui manca ogni traccia di quella che è stata comunque una grande serie televisiva.

Fate finta che non esista.
11 dicembre 2009
musica
kylie nyc


Lo scorso ottobre la meravigliosa Kylie Minogue ha fatto, per la prima volta, un tour in nord America e, a mo' di instant album, esce ora Kylie live in New York, a perenne testimonianza dell'evento.

I più saranno delusi dall'assenza, nelle 25 tracce dal vivo, della nuova Better than today, che dovrebbe apparire nel suo 11° album, previsto per il 2010, ma c'è comunque molto di cui essere contenti (magari non la versione jazz di The locomotion, ecco): Confide in me prende una piega roccheggiante, The one resta un capolavoro, c'è un medley in cui appare What do I have to do, la sua Burning up confluisce in Vogue di Madonna, un'intrigante versione di I believe in you e infine, acquistando l'album su iTunes, ci sono tre remix inediti prodotti da Steve Anderson.


6 dicembre 2009
musica
e se prometto poi mantengo

Avevamo lasciato lo svedese Basshunter tre mesi fa, alle prese con il suo testo più insulso e una canzone, Every morning, che proprio non convinceva (e pensare che a fine 2008 era quarto nella classificona di fine anno di Cheremone, ma solo per merito di Walk on water).

Nel video lo si vedeva impegnato a chiedere la mano della fanciulla che lo accompagna dai tempi di Now you're gone (che pare sia una ex pornostar – evidentemente i due hanno qualcosa in comune), solo che, colpo di scena, lei a un certo punto veniva travolta dalle onde e spariva nella notte. Suspence.

Il video del secondo singolo, I promised myself, vede Basshunter in taxi alla volta di un ospedale in cui, nelle ultime scene, avrà una sorpresa che non sveliamo, un po' perché mi sono perso nella storia (ho la capacità di concentrazione sul testo narrativo di un adolescente) e un po' perché quello che merita è la CANZONE.

I promised myself è, infatti, la stessa canzone che Nick Kamen (!) portò al 'successo' nel 1990 (sta qua, con Raffaella Carrà) e che segnò la fine di uno dei quartetti più importanti della storia della musica, i compianti A*Teens (qui il video).

Un po' banalotta promessa d'amore e un po' inno alla verginità prematrimoniale, I promised myself è un classico smisconosciuto e, a rendere le cose ancora più interessanti, il singolo comprende il remix ad opera di Pete Hammond, uno che negli anni '80 lavorava con Stock, Aitken & Waterman e remixava cose di Jason Donovan. Recentemente tornato attivo (qui è all'opera con Boyfriend degli Alphabeat, che fa diventare la canzone dimentica delle Bananarama), è ora riuscito in una cosa impossibile: fare sì che una canzone del 2009, cover di un originale del 1990, sembri uscita nel 1987:


Su iTunes si trova il singolo, con DUE remix di Pete Hammond, dei 7th Heaven ed altri.




31 ottobre 2009
musica
coming up

Jamie Cullum; I'm all over it: gradito ritorno del fanciullo che campeggia nella foto in alto a sinistra su questo blog.

JLS; Everybody in love: la boyband del momento continua a non convincermi e per ora non si meritano un post apposito ;-)!


R. E. M. ; Live at the Olympia: ormai i REM sono entrati nel loop di album/tour/disco dal vivo e album/tour/disco dal vivo; stavolta si cimentano con brano meno noti (manca Losing my religion ma c'è, chessò, Wolves, lower). Solo per affezionati, comunque.

Michael Jackson; This is it: anche qui siamo di fronte a quella che potremmo chiamare una 'bieca operazione commerciale', visto che l'album si limita a riportare i 'greatest hits' di Michael nell'ordine in cui appaiono nell'omonimo film (ai tempi dell'iPod e delle playlist, non pare un'innovazione sconvolgente). Le uniche novità sono tre demo, Michael Jackson che legge la peggior poesia mai scritta e la nuova This is it che, spiace dirlo, non è il capolavoro che uno si aspettava. Su iTunes, comunque, si possono comprare singolarmente le tracce nuove e farla finita lì.

Morrissey; Swords: esce finalmente l'attesa raccolta di lati b pubblicati dal 2004 ad oggi. Ci sono migliori introduzioni a Morrissey (come quella di cui si parlava qui) ma anche in questo Swords ci sono cose interessanti, e inoltre c'è un secondo cd con brani dal vivo, tra cui la vecchia You just haven't earned it yet, baby degli Smiths.

David Bowie; Space oddity: il primo album di David Bowie compie 40 anni ed esce in una nuova edizione, con ormai consueto allegato di rarità (la cosa più graziosa è Ragazzo solo, ragazza sola, cioè la versione IN ITALIANO di Space oddity, che Bowie cantò credendo che il testo fosse in qualche modo affine all'originale, per scoprire poi che non c'entrava niente, ma proprio niente – e pare scritto da 'Ivan Mogul'). E' ovvio che la magnificenza di Space oddity (la canzone) è tale da offuscare il resto, ma è piacevole riascoltare il giovane Bowie che, prima di Ziggy e il resto, sembrava una sorta di Bob Dylan inglese:

18 aprile 2009
musica
coming up
Tinchy Stryder feat. N-Dubz; Number 1: probabilmente farà storcere il naso ai puristi del grime (su cui ormai mi sono informato, dopo il precedente brano del fanciullo) ma Tinchy non ne sbaglia una:

Depeche Mode; Sounds of the universe: la mega edizione da collezionisti mi deve ancora arrivare, per cui al momento mi accontento dell'edizione di iTunes e, ad un primo ascolto, colpisce l'attenzione, oltre al singolo Wrong, Peace, il cui testo dovrebbe essere speranzoso ma la cui esecuzione sembra la cosa più drammatica che abbiano mai fatto. Per il resto, temo sembri il terzo album solista di Dave Gahan, ma magari mi ricrederò...
22 marzo 2009
musica
yes!
E' da quando avevo 14 anni che compro i dischi dei Pet Shop Boys (i primi furono il 12” di Suburbia e di Paninaro, ovviamente), passando gradualmente dal vinile al cd (il primo singolo nell'allora avveniristico formato fu It's a sin, poi vennero gli album) e per ognuno di loro ricordo il luogo e il momento preciso del primo ascolto (Behaviour nel 1990 a casa di un amico -  e poi l'edizione giapponese con la copertina di velluto bianco, a Parigi, Bilingual a Venezia nel '96, Release davanti alla SSISPop Art in Svizzera, ad esempio, fino all'avvento di iTunes, quando i brani in mp3 mi arrivano prima del supporto fisico, ordinato comunque, come nel caso di Fundamental).

Detto questo, è ovvio che l'uscita di Yes fosse da me attesa in paziente speranza, anche se è davvero tanto che i PSB non facevano un 'grande' album (ci sono stati, sparsi, dei brani notevoli – Integral, Drunk e altri – ma mai qualcosa che raggiungesse le vette del passato, forse perché invecchiati loro o perché invecchiato io – nel non notevole libro di Bajani c'è una bella osservazione, quando dice che le canzoni che ha imparato a memoria sono tutte precedenti ai suoi vent'anni).

Ora, non so se Yes è un 'grande album', ma, ai primi ascolti, ci sono due canzoni che vanno dritte al cuore. La prima si chiama More than a dream (per ora sta qua) è all'inizio non è granché ma quando arriva al ritornello esplode, letteralmente.

L'altra, The way it used to be, è a un passo dall'essere Being boring:

I'm here, you're there / Come closer, tonight I'm lonely
Come here with me / I want it the way it used to be

What is left of love? / Tell me, who would even care?
So much time has passed / I'd still meet you anywhere
Water under bridge / Evening after day
What is left of love / Here that didn't drift away?

I can remember days of sun / We knew our lives had just begun
We could do anything, we're fearless when we're young
Under the moon, address unknown / I can remember nights in Rome
I thought that love would last, a promise set in stone

I'd survive with only memories / If I could change the way I feel
But I want more than only memories / A human touch to make them real

Another day, another dream / Over the bridge an empty scene
We'd spend the weekend lost in bed and float upstream
I don't know why we moved away / Lost in the here and now we strayed
Into a New York zone, our promise was betrayed

I was there, caught on Tenth Avenue
You elsewhere with Culver City blues
Then and there I knew that I'd lost you

What is left of love? / Tell me, who will even care?
So much time has passed / I'd still meet you anywhere
Water under bridge / Evening after day
What is left of love / Here that didn't drift away?

Don't give me all your love and pain / Don't sell me New York in the rain
Let's leave our promises behind / Rewind and try again

What remains in time that didn't fade away?
Sometimes I need to see / The way it used to be
 
(sto diventando vecchio, lo sai che non mi va)
22 agosto 2008
SOCIETA'
cose
Pare che John McCain non sappia quante case possieda (almeno sette, sembra).

Dall’altra parte, possiamo essere sicuri che Obama sia nato negli Stati Uniti.

E’ ‘ironico’ che la canzone della Georgia all’Eurofestival si chiamasse Peace will come, no? Intanto l’Estonia minaccia di boicottare l’edizione 2009, che sarà a Mosca.

Il governo cinese ha bloccato iTunes, per via di un album pro Tibet, e non perché ci partecipa Sting.

Per finire, nel caso, aveste dei dubbi, qui c’è la prova che Britney Spears non sa cantare.
18 agosto 2007
musica
coming up
Calvin Harris; Merrymaking at my place: qua dietro c’è una specie di ‘polemica’ che non ho capito molto. L’unica cosa certa è che la ‘polemica’ non è legata al fatto che Calvin a suo tempo remixò il singolo del ritorno delle All Saints.

The Gossip; Jealous girls: terzo singolo di Beth Ditto & Co. Qui c’è il video.

Hard-Fi; Suburban knights: già il titolo è incantevole. Il loro primo #1?

Linkin Park; Bleed it out: secondo singolo da Minutes to midnight; il rap di Mike Shinoda è più imbarazzante del solito.

Bedouin Soundclash; Street gospels: qui si parlava del singolo, ora arriva l’album.

Radu; Alone: con colpevole ritardo, ho scoperto che un altro (sito!) degli O-Zone ha fatto un disco solista; qui c’è il video di Whap-pa  ma al momento mi intriga molto Ya proshu, preoccupantemente ‘techno’. Da notare che la tracklisting dell’album su iTunes è sbagliata e che manca il suo capolavoro, Doi straini.

Eamon; Love & pain: i più lo ricorderanno per la fastidiosa Fuck it, per la terribile versione della stessa in italiano con uno degli Articolo 31 (‘J Ax’, pare si chiami) e per la ridicola cosa della controcanzone da parte della sua ‘ex’. Questo suo album è uscito, nell’indifferenza generale, a fine 2006 ma ora si cerca di rilanciarlo e pare che l’Italia sia, ahinoi, uno dei suoi mercati di riferimento, visto l’impegno della casa discografica che parla di ‘testi più meditati che sorprenderanno coloro che gli davano contro’.
20 maggio 2007
musica
coming up
Good Charlotte; The river: l’unico motivo per cui questo singolo avrebbe potuto essere interessante, sarebbe se fosse una cover dell’omonima canzone di Bruce Springteen. A un primo ascolto, direi proprio che non lo è

Erasure; Light at the end of the world: nuovo album per gli Erasure, che rischierà di passare inosservato. Peccato, perché c’è molta più eleganza qua dentro che in, chessò, tutta la carriera di Britney Spears

Johnny Cash; The legend of Johnny Cash vol. II: seconda antologia dell’unica vera rockstar americana, 20 piccoli gioielli tra cui spicca la cover di I won’t back down di Tom Petty

Sophie Ellis Bextor; Trip the light fantastic: quello che andava detto, è stato detto

Sull’iTunes italiano cominciano infine ad apparire un po’ delle canzoni dell’Eurofestival: al momento ho trovato I love you mi vida degli spagnoli D’Nash e Salvem el mòn dei meravigliosi andorrani (?) Anonymous


21 agosto 2005
first fan in italy!

Non starò qui a sollevare una gigantesca polemica sul Gay Village (come il fatto che uno spende 10 euro per entrare e avere quindi l'onore di comprare 25cc di Coca-Cola Light a 4 euro), comunque mi ci sono trascinato insieme a dp perché ci sarebbero stati i miei miti Bodies Without Organs.     


Hanno cantato solo 5 canzoni, tra cui Conquering America, cosa che ha dato senso a tutta la serata.


Finita l'esibizione, insieme a un gruppettino di adolescenti isteriche, ci siamo avvicinati al trio; le ragazzine hanno chiesto quando l'album sarà disponibile in Italia (a gennaio) e Alexander le ha invitate a cercarlo su Amazon ma, quando io gli ho detto di aver comprato Conquering America su iTunes, ha esclamato "you're our first fan in Italy", cosa che ha completamente cambiato il modo in cui ora guardo al mondo....
                                 

sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte