.
Annunci online

cheremone
gaze at the moon until I lose my senses

NEW!!! 

Pet Shop Boys together Mylène Farmer oui mais... non Glee Cast teenage dream Lady Gaga born this way Subsonica il diluvio The Wanted gold forever The Sound Of Arrows nova Eric Saade popular Lady Gaga judas Depeche Mode personal jesus (the stargate mix) Example changed the way you kiss me

 
 

Locations of visitors to this page

c i n q u e l i b r i
Georges Simenon maigret e il ladro indolente Charles Baudelaire saggi sulla letteratura Georges Buby e Michelle Perrot storia delle donne - l'ottocento Guido Gozzano
i colloqui Achille Campanile manuale di conversazione

c i n q u e c a n z o n i
Bananarama careless whisper Manic Street Preachers hazelton avenue Eddy Grant
 I don't wanna dance Groove Armda tuning in Pussycat Dolls whatcha think about that

d v d
dexter season 3 queer as folk season 3 family ties season 3 the simpsons season 13 friday the 13th jason x south park season 2 lie to me season 2 kyle xy season 4 star trek the motion picture hung season 1 glee season 1 earth: final conflict season 2 lost season 6 fringe season 2 24 season 8 coupling season 1 gregor jordan the informers nip/tuck season 6 misfits season 1 v season 1 true blood season 2 curb your enthusiasm season 2 californication season 3 the big bang theory season 1 skins season 5 dynasty season 1 lazzaretti/santolini domani torno a casa pier paolo pasolini salò seinfeld season 1 woody allen incontrerai l'uomo dei tuoi sogni spartacus season 1 the walking dead season 1 bones season 1 faenza/macelloni silvio forever

canzoni che dicono qualcosa
001 / The Smiths
panic
002 / Fiamma Fumana bella ciao 003 / Depeche Mode personal jesus 004 / New Order true faith 005 / The Cure killing an arab  006 / Johnny Cash san quentin 007 / Edith Piaf non, je ne regrette rien 008 / The Clash london calling 009 / Shirley Bassey climb ev'ry mountain 010 / Dusty Springfield I close my eyes and count to ten 011 / Blondie atomic 012 / human league don't you want me 013 / Pet Shop Boys integral 014 / Joy Division love will tear us apart 015 / The Pogues & Kirsty McColl fairytale of new york 016 / Saez jeune et con 017 / Soft Cell say hello wave goodbye

24 agosto 2009
SOCIETA'
il padre è solo un uomo e gli uomini son tanti


Le premesse per trovare in Buoni genitori di Chiara Lalli il testo di riferimento sul tema non molto noto ai più dell'omogenitorialità (il fatto cioè che, essendo la vita più complicata – e interessante - di quanto ritengano i politici, esistono famiglie – anche in Italia! - in cui i genitori sono omosessuali) c'erano tutte.

Il problema è che il libro non si limita a riportare le storie di alcune di queste famiglie (spesso davvero belle e toccanti) ma intervalla le testimonianze con pagine banalotte e pieni di luoghi comuni cari alla causa, presentando la parte avversa con toni ridicoleggianti e riducendola alle farneticazioni dei vari Giovanardi, Binetti e simili, senza veramente affrontare la questione in maniera scientifica, come invece mi ero illusamente aspettato – il tutto poi condito da affermazioni fuori dalla realtà, tipo 'Ricky Martin è amatissimo soprattutto dalle ragazzine', e  da ripetizioni veramente fastidiose.

Molto meglio imparare l'inglese e leggersi Andrew Sullivan, direi.
22 giugno 2009
politica estera
verde
Cheremone per ora è verde, un banale gesto per ricordare quanto sta succedendo in Iran. Il blog di Andrew Sullivan, con i suoi continui aggiornamenti, è la miglior fonte d'informazione in giro.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iran verde andrew sullivan

permalink | inviato da cheremone il 22/6/2009 alle 1:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
25 marzo 2009
SOCIETA'
non esattamente il parlamento padano


L'ormai classico Virtually normal di Andrew Sullivan non è un saggio sull'omosessualità, ma come altri suoi testi, un saggio essenzialmente politico, in cui si analizzano i vari orientamenti politici sulla 'questione omosessuale', dai 'proibizionisti' (i fondamentalisti cristiani che brandiscono la Bibbia e citano versetti a raffica) ai 'liberazionisti' (gli orientamenti postmoderni di quelli che hanno letto un po' troppi libri di Foucault – o neanche uno, tragicamente) e dai 'conservatori' ai 'liberali', per infine proporre una sua personale 'quinta via'. Il livello di discussione della politica americana è talmente alto da fare paura, rispetto a quanto succede qui da noi.
23 gennaio 2009
letteratura
politica debole


The conservative soul
di Andrew Sullivan è decisamente un libro interessante:

Questo, mi sembra, è il vero mistero dell'incarnazione, l'idea che Dio in Gesù si sia fatto uomo. O, meglio, credo in questo nell'unico modo in cui posso crederlo: che cioè quel solo uomo rappresenta, per l'eternità, la decisione di Dio di stare veramente con noi. Non mi definisco un 'cristiano' perché sia capace di sostenere tutte le verità cui la gerarchia della mia chiesa insiste io creda, né perché sia una brava persona o un 'bravo cattolico'. Mi considero un cristiano perché credo che, in un modo che non capisco completamente, la forza dietro ogni cosa abbia voluto mostrarsi a noi benevola, diventando uno di noi, stando insieme a noi. E non appena la gente ha intuito cosa fosse successo, cosa stesse succedendo, il mondo è cambiato per sempre. I Vangeli – tutti quanti, anche alcuni di quelli che sono stati respinti dalla Chiesa delle origini – sono semplici schizzi di una vita davvero vissuta, di un'esperienza che non potrà mai essere ridotta a parole o a testi o a dottrine. Ed il mondo di allora – e di oggi – non è riuscito a sopportare quest'immensa occasione; e così Gesù è stato condannato a morte e quella vita, a contatto col divino più di ogni altra vita, è stata bruscamente interrotta, quand'era ancora dolorosamente giovane. L'esistenza di una tale vita era così meravigliosa che ha cambiato tutto; ed anche così terrificante che ha dovuto essere soppressa. Il senso dell'incarnazione non era certo quello di mettere insieme una litania di offese secondo le quali giudicare le nostre vite, e costringerci a fustigarci e torturarci in un eterno ciclo di autocritica e colpa. Il punto era, semplicemente, quello di stare con noi; e, stando con noi, di mostrarci meglio come essere uomini, come meglio accogliere le nostre vite accettando il divino intorno a noi e dentro di noi. Lasciandoci andare, diventiamo. Rinunciando, guadagnamo. Ed impariamo a vivere – adesso, l'unico tempo che conta

Ah, in realtà parla di politica americana.
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte