.
Annunci online

cheremone
gaze at the moon until I lose my senses

NEW!!! 

Pet Shop Boys together Mylène Farmer oui mais... non Glee Cast teenage dream Lady Gaga born this way Subsonica il diluvio The Wanted gold forever The Sound Of Arrows nova Eric Saade popular Lady Gaga judas Depeche Mode personal jesus (the stargate mix) Example changed the way you kiss me

 
 

Locations of visitors to this page

c i n q u e l i b r i
Georges Simenon maigret e il ladro indolente Charles Baudelaire saggi sulla letteratura Georges Buby e Michelle Perrot storia delle donne - l'ottocento Guido Gozzano
i colloqui Achille Campanile manuale di conversazione

c i n q u e c a n z o n i
Bananarama careless whisper Manic Street Preachers hazelton avenue Eddy Grant
 I don't wanna dance Groove Armda tuning in Pussycat Dolls whatcha think about that

d v d
dexter season 3 queer as folk season 3 family ties season 3 the simpsons season 13 friday the 13th jason x south park season 2 lie to me season 2 kyle xy season 4 star trek the motion picture hung season 1 glee season 1 earth: final conflict season 2 lost season 6 fringe season 2 24 season 8 coupling season 1 gregor jordan the informers nip/tuck season 6 misfits season 1 v season 1 true blood season 2 curb your enthusiasm season 2 californication season 3 the big bang theory season 1 skins season 5 dynasty season 1 lazzaretti/santolini domani torno a casa pier paolo pasolini salò seinfeld season 1 woody allen incontrerai l'uomo dei tuoi sogni spartacus season 1 the walking dead season 1 bones season 1 faenza/macelloni silvio forever

canzoni che dicono qualcosa
001 / The Smiths
panic
002 / Fiamma Fumana bella ciao 003 / Depeche Mode personal jesus 004 / New Order true faith 005 / The Cure killing an arab  006 / Johnny Cash san quentin 007 / Edith Piaf non, je ne regrette rien 008 / The Clash london calling 009 / Shirley Bassey climb ev'ry mountain 010 / Dusty Springfield I close my eyes and count to ten 011 / Blondie atomic 012 / human league don't you want me 013 / Pet Shop Boys integral 014 / Joy Division love will tear us apart 015 / The Pogues & Kirsty McColl fairytale of new york 016 / Saez jeune et con 017 / Soft Cell say hello wave goodbye

3 gennaio 2011
musica
cheremone's 2010 top 40 - 7
(qui le posizioni 40-5)

4 / Eminem ft. Rihanna; Love the way you lie. Le grandi canzoni sono capaci o di portarti altrove e di farti dimenticare di tutto (tipo, chessò, Your disco needs you di Kylie Minogue) o sono profondamente disturbanti (tipo Fotoromanza di Gianna Nannini - "quest'amore è una camera a gas" non è esattamente confortante). Che Eminem facesse una canzone dai toni violenti non è una novità ma che Rihanna, vittima a sua volta di violenza da parte di un essere spregevole come Chris Brown, accettasse questa collaborazione mi è sempre parso strano. Escluso che sia così stupida, resta solo l'ipotesi della catarsi artistica. Ciò non toglie che Love the way you lie sia una grande canzone, proprio perché non lascia indifferenti:
 
3 / Katy Perry; The one that got away. Si può ignorare un'artista che ha passato il 2010 in vetta alle classifiche mondiali? Sì, visto che ho beatamente ignorato i Black Eyed Peas. Perché allora non ignorare anche Katy Perry? Un po' per il ricordo di Hot 'n' cold, un po' per le nozze con il geniale Russell Brand, non certo per il California Gurls (già la grafia è fastidiosa) né per Teenage dream (la versione definitiva è quella di Glee) né per Firework, che manco pare una canzone. E' che in un album insulso come il suo, ci sono i 4 minuti scarsi di questa canzone, piena di rimpianti e di speranze. E le si perdona tutto, perché in another life I would be your girl.

2 / Rihanna; Only girl (in the world). Ancora Rihanna, stavolta da sola e un po' più solare. Qua sotto, la versione dei One Direction, che rende il tutto, come dire, destabilizzante:

1 / Lady Gaga; Alejandro. Sono fermamente convinto che la rima con "Roberto" sia in realtà un omaggio a Fernando degli Abba, e già solo per questo si merita la vetta:
2 gennaio 2011
musica
cheremone's 2010 top 40 - 6
(Qui le posizioni 40-37, 36-30, 29-23, 22-15 e 14-10)

9 / Plan B; Prayin'. La trasformazione di Plan B da rapper arrabbiato a versione maschile di Amy Winehouse è stata uno degli eventi musicali del 2010.

8 / Jason Derulo; In my head. Sarà perché una delle mie espressioni preferite per presentare un'opinione è "nella mia mente", fatto sta che questa canzone è grandissima. Sarebbe più alta in classifica se non citasse fastidiosamente il suo nome.

7 / Bruno Mars; Just the way you are. Lui l'abbiamo conosciuto tramite il duetto con Travie McCoy (un po' più sotto in classifica) e si è capito che questa era una grande canzone anche tramite la versione di Glee. Questo è il video originale:

6 / Usher; DJ got us fallin' in love. La produzione è di Max Martin, e si sente. Qua sotto, Frankie dei Wow (Forse sciolti? Spariti nel nulla? Qualcuno dica qualcosa!) la balla.

5 / Taio Cruz ft. Kylie Minogue; Higher. Puro genio:

(continua...)
1 gennaio 2011
musica
cheremone's 2010 top 40 - 5
(Qui le posizioni 40-37, 36-30, 29-23 e 22-15)

14 / Owl City; Fireflies. Questa è una di quelle canzoni che appaiono dal nulla e poi scompaiono nel nulla. Vale però la pena di ricordarla.

13 / Tinie Tempah ft. Eric Turner; Written in the stars. Il mio problema con i rapper è sempre lo stesso: la linea melodica è eccezionale, il rap in quanto tale insopportabile. Questa qua non fa eccezione, ma merita comunque:

12 / Florence And The Machine; Dog days are over. P-e-r-f-e-t-t-a.

11 / Glee Cast; Teenage dream. Ok, Glee è la cosa migliore apparsa in tv nel 2010. E' dura scegliere una canzone rappresentativa, ma alla fine ha vinto questa, perché rivelare la grandezza di una canzone di Katy Perry non è impresa facile:

10 / K'naan; Wavin' flag. Tra tutte le canzoni che hanno infestato i Mondiali di Calcio (tipo Waka waka, che non accenna tra l'altro a sparire nel nulla da cui viene), quella di questo fanciullo di origine somala, diventata la colonna sonora della pubblicità della Coca-Cola, è la meno peggio. Il fatto poi che ne abbiano fatte diverse versioni per i vari paesi è grazioso - questa è la versione in arabo:
31 dicembre 2010
musica
gotta go home
Spiace lasciare il 2010 con la notizia della scomparsa di Bobby Farrell dei Boney M (che proprio ieri ricordavamo qui, per via di Barbra Streisand dei Duck Sauce).

Ora, va detto che il suo apporto creativo era inesistente (non scriveva le canzoni) e  che quello vocale (pare che la voce maschile non fosse la sua) fosse per lo meno discutibile,  ma è innegabile che l'immagine dei Boney M sarà per sempre legata a lui.

Se le vicissitudine contrattuali (pare che tutti e 4, lui e le tre ragazze, fossero legalmente autorizzati ad esibirsi col nome 'Boney M', come se Andy Taylor potesse andare in giro sotto il nome 'Duran Duran') e le case discografiche non avessero spremuto, spesso in maniera indecorosa, il loro catalogo, il nome dei Boney M sarebbe nel pantheon della musica pop, a fianco degli Abba.

Per quelli della mia generazione, poi, abbiamo imparato ad amare i Boney M senza sapere neanche chi fossero, visto che la sigla di Anna dai capelli rossi è Rivers of Babylon (prova) e Dolce Remì è Brown girl in the ring...
30 dicembre 2010
musica
cheremone's 2010 top 40 - 4
(qui le posizioni 40-37, 36-30 e 29-23)

22 / Alexandra Burke; The silence. Lo so che c'è qualcosa di profondamente sbagliato in X-Factor e in Alexandra Burke (qui ampia discussione), ma questa canzone, per quanto rispetti uno per uno tutti gli immaginabili clichés, resta, uhm, bella.

21 / Drake; Find your love. Drake è una sorta di melting pot vivente (il padre è di Memphis, la madre è un'ebrea canadese); il suo primo album si chiama Thank me later e questo è il suo secondo singolo:

20 / Duck Sauce; Barbra Streisand. Prendete quella che è essenzialmente Gotta go home dei Boney M, ci ripetete sopra il nome di un'attrice e, miracolo, funziona.

19 / Mika; We are young. La collaborazione tra Mika e RedOne (il produttore di Lady Gaga), per quanto legata ad un inverosimile film, ha i suoi momenti significativi.

18 / Robbie Williams & Gary Barlow; Shame. Il termine corretto pare sia 'bromance', 

17 / Kylie Minogue; All the lovers. I posteri ricorderanno come vetta irraggiungibile della sua carriera il momento in cui l'ha cantata con gli Scissor Sisters, in versione country:

16 / Inna
; Hot. Il titolo dice tutto.

15 / Take That; The flood. Sembrava improbabile, ma il 2010 è stato l'anno dei TT (qui la loro carriera, in 12 tappe). Qua sotto, un'esibizione con ballerini semi-nudi che, c'ho messo un po' a capirlo, rappresentano la copertina dell'album:

(continua...)
29 dicembre 2010
musica
cheremone's 2010 top 40 - 3
(40-37 e 36-30)

29 / Lena; Satellite. L'Eurofestival quest'anno (qui la cronaca della serata finale) è stato vinto dalla Germania (!), come da previsione... la notizia dell'anno è che l'Italia tornerà alla manifestazione...

28 / Olly Murs; Please don't let me go. Il nuovo Will Young?

27 / The Wanted; Lose my mind. All'inizio ero perplesso, ma poi ho ceduto. Cinque sono i motivi che rendono Lose my mind un capolavoro: 1) Nathan canta "I'd erase my thoughts / If only I'd knew how" ma io avevo capito "I'd erase my phone" e pensavo che fosse così stupido da non saper osare un cellulare; 2) Siva non fa niente; 3) Tom canta con un pathos davvero convincente; 4) Max a 1.48 minuti sembra sul punto di passare a The neverending story di Limhal e 5) ooh ooh:

26 / Brandon Flowers; Only the young. Non proprio i Killers, ma quasi.

25 / Michael Jackson ft. Akon; Hold my hand. Come si diceva qui, sarebbe più alta in classifica non fosse per Akon...

24 / Example; Kickstarts. La canzone perfetta per chi si innamora, ancora:

23 / Hurts; Better than love. L'avevo detto, io. Ed oltre a questo, hanno pure rifatto Jeanny di Falco.
28 dicembre 2010
musica
cheremone's 2010 top 40 - 2
(qui le posizioni 40-37)

36 / Mylène Farmer; Oui mais... non. Come si diceva qui, c'era molta apprensione per il nuovo album di Mylène Farmer, ma questo primo singolo, scritto da RedOne, ha dissipato ogni dubbio.

35 / Joe McElderry; Ambitions. Il fanciullo vincitore dell'X Factor inglese del 2009 ha fatto un non terribile singolo, che è poi una cover dell'originale dei norvegesi Donkeyboy,  cui ha aggiunto un curioso balletto che, sorprendentemente, funziona.

34 / Stromae; Alors on danse. Altro successo francofono, decisamente ipnotico:

33 / Travie McCoy; Billionaire. Probabilmente la prima canzone al mondo a citare la rivista Forbes.

32 / Martin Solveig ft. Dragonette; Hello. Qua siamo dalle parti del puro genio, in primis perché finalmente i Dragonette hanno una canzone che può essere definita un "successo" e poi perché l'idea dei dj che fanno un torneo di tennis è eccezionale:

31 / Gorillaz; On melancholy hill. E' curioso che, in un album pieno di ospiti di grandissimo nome come Plastic beach, la cosa più semplicemente bella sia una delle poche canzoni senza ospiti di richiamo. Bravo, Damon:

30 / Scissor Sisters; Fire with fire. Confermo l'uso dell'aggettivo "perfetto", già da maggio.

(continua)
27 dicembre 2010
musica
cheremone's 2010 top 40 - 1
E' il momento (come da tradizione), direi, di ripercorrere gli ultimi dodici mesi, con la classifica delle 40 migliori canzoni del 2010...

40 / Robyn; Dancing on my own. Il 2010 è stato un anno impegnativo per la fanciulla, che non ha pubblicato uno ma ben tre dischi. Il primo conteneva questa struggente canzone, una di quelle che si ballano piangendo. Qua sotto la canta alla cerimonia dei premi Nobel (!):

39 / Manic Street Preachers; Some kind of nothingness. A quasi vent'anni dal loro primo album, i Manics continuano ad essere importanti. Il loro album del 2010, Portrait of a young man, continua a regalare sorprese, come questa, che ospita Ian McCulloch.

38 / Antoine Clamaran ft. Soraya; Live your dream. Lui dovrebbe essere un dj francese, lei è una cantante spagnola. La cosa poteva sembrare improbabile, e invece...

37 / Mads Langer; You're not alone. Non è chiarissimo perché, ma la cover del vecchio successo degli Olive ad opera di questo fanciullo danese ha avuto particolare successo in Italia...

(continua... )
26 dicembre 2010
musica
boyband 89
Questi ce li siamo tenuti da parte per chiudere degnamente il 2010. Una legge non scritta delle boyband vuole che, fra i 4-5 membri, ce ne sia uno segretamente gay, che si svela poi verso la fine della carriera (Stephen dei Boyzone o, fuori tempo massimo, Duncan dei Blue e Lance degli *Nsync).

Questi Boy Banned (qui il sito) non si pongono il problema, visto che sono direttamente tutti gay. E, a rendere le cose un po' inquietanti, sono prodotti dall'Eurocreme che, fino a ieri, faceva solo film porno e che ora si è data anche alla musica (e non sono la prima boyband gay della storia, visto che qualcuno ricorda i terrificanti Marilyn's Boys, cosa che avrebbe dovuto mettere sull'avviso i produttori sull'improbabilità del progetto). A giugno li hanno mandati al gay pride di Berlino, con risultati un po' imbarazzanti:

Pare abbiano un secondo singolo in uscita, Street lights.
17 giugno 2010
musica
abba in the snow

Nel 1979 gli Abba divennero un po' disco, con cose come Summer night city, Voulez-vous e la sempre magnifica Gimme Gimme Gimme. A celebrare la svolta, ecco che mi è arrivata la nuova edizione di Voulez-vous, teoricamente un album “disco”, appunto – ma che contiene Chiquitita, quindi l'appellattivo non tiene a lungo. L'edizione 2010 è in due dischi, un cd con l'album originale e qualche rarità (ma nulla di davvero 'inedito') e un dvd, ben più significativo, visto che contiene gran parte di uno speciale della BBC che seguiva gli Abba in Svizzera e che da solo giustifica l'acquisto, per vedere i nostri eroi in mezzo alla neve.

8 giugno 2010
musica
boyband 84

Nel lontano 1998, il mondo scoprì i Vengaboys, un quartetto olandese (due fanciulle e due fanciulli – quello vestito da marinaretto tendeva a cambiare ogni 2-3 mesi), grazie ad una fastidiosa canzoncina che temo alludesse all'atto sessuale (Up & down). A partire però dalla successiva We like to party, toccarono vette notevoli (sottolineo l'immortale distico “New York and San Francisco / An intercity disco ”):

Dopo altre velate allusioni sessuali (Boom boom boom boom) e dopo la chiara definizione del look à la Village People dei maschietti, raggiunsero la piena maturità artistica (come i Beatles, fecero un cartone animato) con We're going to Ibiza:

Arrivararono persino ad un secondo album, con momenti gloriosi (Kiss me when the sun don't shine) uniti ad altri un po' imbarazzanti (Uncle John from Jamaica), per poi sparire nel nulla.

E ora, 2010, sono tornati (manca però il cowboy, che forse fa ancora l'assistente di volo per la Ryanair). Qui c'è il video di Rocket to Uranus, che, malgrado Perez Hilton e un sempre meraviglioso Pete Burns, resta, come dire, demodé. Peccato...

31 maggio 2010
letteratura
mi sa che hanno ragione a ridacchiare per 'il passero di Lesbia'

La tradizione ottocentesca ci ha imposto una lettura assolutamente romantica di Catullo, una tradizione, ahimé, ancora dominante nella scuola del 2010. Tutte le antologie che ho avuto sotto gli occhi presentano i soliti testi 'romantici' su Lesbia (passeri, baci, miser Catulle, foedus e simili), un qualche carmen doctum e, se proprio ci si spinge oltre, l'invito a Fabullo.

Niente amore per il fanciullo Giovenzio, niente testi osceni, niente spunti violenti, niente salaci taverne, niente attacchi alla passività sessuale di Cesare e non ci si azzardi poi a leggere con altra luce anche i testi più 'casti'.

Solo all'università, forse, uno scopre il vero Catullo e mette il resto nel contesto. Oppure, ci sono lavori come questo Catullus and the poetics of roman manhood di David Wray che aiutano non poco a delineare un modo di essere 'maschi' davvero intrigante.

Il testo è densissimo e i primi due capitoli sulla lettura postmoderna di Catullo sono insopportabili, ma poi i capitoli 3-5 sono assai preziosi per cura filologica, storica e metrica nel delineare Catullo come una personalità multifrenica, in bilico tra un ethos archilocheo ed un ethos callimacheo. Un testo che merita di essere metabolizzato, ma, se il processo riesce, si potrà spiegare Catullo come nessuno sarà mai spiegato.

30 maggio 2010
musica
eurovision 2010 - 3
21:00 E dopo la prima e la seconda semifinale, ecco la seratona finale. Premesso che qui al momento si tifa Germania (ma anche Islanda, Serbia e Cipro), si comincia con Alexander Rybak (vincitore del 2009) che ricanta Fairytale, vestito come al solito come un colono olandese del '700. Si comincia la gara con l'Azerbaijan (sì, si chiama comunque 'eurofestival'), paese che partecipa da poco ma che cerca ogni anno di vincere spendendo una valanga di soldi (l'anno scorso sono arrivati secondi): quest'anno si sono fatti scrivere la canzone dagli svedesi e pare abbiano affittato il coreografo di Rihanna e hanno messo su una pseudo-ballatona che a me pare insulsa, per quanto la fanciulla che canta sia apprezzabile (meglio, chessò, di Miley Cyrus). Segue la Spagna (l'anno scorso fu un disastro) con un tizio che pare Mika ingrassato; a un certo punto un matto sale sul palco nel caos generale e pare che l'esibizione sarà ripresa più avanti (oh gioia). La Norvegia porta un fanciullo dalla bella voce che tende alla lirica in una canzone che non stonerebbe nel repertorio di un Bocelli (e non è un complimento). Dopo la rumorosa Moldavia, arriva Cipro che porta una canzone scritta sì dai dei ciprioti ma cantata da un fanciullo del Galles (sospetto che avranno 12 punti dal Regno Unito) trovato su internet (così vuole la leggenda metropolitana). Meriterebbero altro.

21:34 Altro fanciullo che a sorpresa potrebbe avere buoni risultati è quello del Belgio, che ha superato la prima semifinale contro ogni aspettativa, visti i piazzamenti degli ultimi anni. Peccato che la voce sia fastidiosamente simile a quella di James Blunt. Torna poi la Serbia, con la canzoncina di Goran Bregovic su quanto sono belli i Balcani. E' così stupida che è irresistibile. Mi sono addormentato durante l'Irlanda (sì, in sottofondo c'era una cornamusa) ma mi sono ripreso con la Grecia. Quando si è scoperto che Pete Waterman avrebbe avuto a che fare con la canzone del Regno Unito, le speranza erano alte. Poi la canzone si è rivelata degna di un lato b di Sinitta e il cantante scelto un po' insignificante (e in gara c'era ben altro!), e mi sa che l'Inghilterra non ripeterà il buon risultato del 2009...

22:00 La Georgia torna all'Eurofestival, dopo un anno, visto che pochi mesi dopo aver cantato una canzone sulla pace nel 2008 fu invasa dalla Russia, e preferì non partecipare all'edizione del 2009, a Mosca. Pare che anche l'Ucraina abbia avuto una storia interessante: sembra che la canzone originariamente scelta fosse un plagio e che quella che portano sia stata scelta all'ultimo minuto (i maligni dicono che dietro ci sono state le elezioni ed il cambiamento del partito al governo – ah, le nuove democrazie europee, sempre incantevoli). Non so invece i criteri che hanno portato la Francia a far partecipare l'anno scorso un'artista di gigantesca classe come Patricia Kaas e quest'anno un obbrobrio legato, credo, ai mondiali di calcio. Imbarazzante.

22:22 Ok, mancano 7 canzoni (più il bis della Spagna). Spiccano l'Armenia e la Germania (canzoncina gradevolissima, fanciulla spigliatissima, spero vinca, ma l'esibizione non ha niente di speciale), mentre Israele porta una cosa melensa melensa (ma con pathos) e infine la canzone della Danimarca continua a piaciucchiarmi.

23:02 Finiti! E' stato, come al solito, un po' massacrante. Ora credo ci sia un qualche intervallo in attesa dei voti (giuria e televoto), poi si scoprirà quale paese l'anno prossimo andrà in bancarotta dovendo ospitare l'edizione 2011 in tempi di crisi. Se vincono Portogallo o Irlanda, l'euro sbaracca. Per non parlare della Grecia.

23:13 Uh. Adesso ci sono i Madcon (che pare siano norvegesi!). Ballano tutti. Tra un po' arrivano i voti, e quest'anno è tosta, non c'è nessun mega favorito dall'inizio, com'era invece negli ultimi due anni...

23:25 arrivano i primi voti, da Bucarest: 8 punti alla Turchia, 10 alla Moldavia e 12 alla Danimarca.

23:26 Altri voti: Danimarca in testa, poi Belgio e Germania.

23:28 Belgio in testa!

23:30 Grecia in testa!

23:32 Germania in testa!

23:38 la Germania è a quota 100... è fatta?

23:50 a metà dei voti arrivati, la Germania è sempre in testa, ma il Belgio è secondo! Cipro, ahimé, langue a 23 punti...

00:01 Germania sempre in testa, poi Belgio e poi Turchia...

00:11 La Germania ha ufficialmente vinto (ed è solo la seconda volta, il precedente fu nel 1982)! Turchia seconda, Romania terza. Qua il video della canzone vincitrice, Satellite.

25 maggio 2010
musica
eurovision 2010 - 1
  
Premesso che sono ancora alquanto turbato dal finale di Lost, questa è la sera della prima semifinale dell'Eurofestival, in cui 17 paesi lottano per 10 posti nella finale di sabato. Il tutto si svolge ad Oslo in Norvegia visto che l'anno scorso ha vinto lui. Per quanto sia possibile vedere lo spettacolo on-line, cercherò come al solito qualche canale balcanico sul satellite, visto che l'inquietante fanciullo serbo porta davvero una canzone scritta da Goran Bregovic. Qui, al momento, si tifa Germania, poi vediamo che succede...

21:08 I primi in gara sono i moldavi e, a essere sinceri si è visto di meglio. I commentatori rumeni che sto seguendo io ne sono comunque entusiasti. Segue la Russia (che vinse ai tempi di Dima Bilan - la cui carriera internazionale tragicamente non pare essersi materializzata) che ormai gioca al ribasso e porta una canzone che è esattamente come uno teme possa essere una canzone russa...

21:13 Arriva l'Estonia, che ha chiaramente problemi di pronuncia con l'inglese e che spero sia eliminata subito. Non pongo grandi speranza nella Slovacchia ma la fanciulla, vestita come una betulla, è intrigante. Peccato che la canzone non decolli... speriamo nel folk finlandese...

21:32 Finlandia e Lettonia scorrono indolori (intanto si spiega che i 10 che passeranno in finale saranno scelti al 50% dal televoto e al 50% da delle giurie di qualità) e quando arriva la Serbia ormai sono conquistato. Si resta nei Balcani con la Bosnia-Herzegovina, che va meno sull'etnico e tenta un'improbabile pezzo metallaro. Ne, credo si dica.

21:45 La Polonia tende sempre ad arrivare ultima e ci saranno le sue ragioni; negli ultimi anni il Belgio ha avuto risultati spaventosi (l'anno scorso sono arrivati ultimi con 1 punto - ma nel 2003 sono arrivati al secondo posto); quest'anno, visto che rischiano di scannarsi tra fiamminghi e francofoni, hanno optato per una canzone in inglese - un po' melensa, ma le giurie potrebbero premiarla. Malta, d'altro canto, a me sta simpatica, ma nella biografia della fanciulla leggo che si vanta di una collaborazione con Gigi D'Alessio e la canzone sembra una cosa uscita diretta dall'X Factor inglese...

21:57 Giova notare che in meno di un'ora sono passate più di dieci canzoni, mentre da noi a Sanremo a quest'ora saremmo ancora ai patetici siparietti della Clerici (ecco perché non faccio più i post sul festival - uno si addormenta prima di aver qualcosa da scrivere). Intanto, dopo l'Albania, arriva la Grecia (che di solito adoro), la cui canzone inizia esattamente come Maria di Ricky Martin ("ueppà") poi sembra La isla bonita di Madonna rifatta coi Gogol Bordello e io sono in estasi dionisiaca. Epici. Mancano solo quattro paesi, poi si vota...

22:15 Arrivano Portogallo, Macedonia, Bielorussia e Islanda (la canzone è in parte in francese ed è un classico postmoderno). Finita la cosa, devono passare Grecia, Serbia e Islanda, sennò mi deprimo...
13 gennaio 2010
musica
unsure of myself, sure of it now


Il primo album del 2010 è il nuovo disco dei Vampire Weekend, Contra (qui si parlava del primo singolo, Cousins), e mi sa che farà da colonna sonora a tutto quanto è da venire.

Non è solo roba da secchioni (per quanto, come notano qui, credo che Holiday sia l'unica canzone della storia a citare un font, "futura", e c'è sempre California english) e io mi sono già innamorato di Taxi cab.
5 gennaio 2010
musica
just dusty!

Il 2010 segna l'11° anniversario della scomparsa della meravigliosa Dusty Springfield (ne abbiamo parlato qui e qui) e l'anno scorso è uscita una doverosa antologia ma solo adesso ho visto il bel documentario che ne racconta la storia (dai tempi degli Springfields fino al ritorno coi Pet Shop Boys), intervallato da numerosi filmati d'annata e da testimonianze di chi le è stato vicino fino alla fine.

Qua sotto c'è la perfetta Son of a preacher man:
2 gennaio 2010
letteratura
e bisognava fare gli italiani

 

Scolasticamente ci hanno insegnato che l'ottocento italiano ha prodotto la triade Foscolo/Leopardi/Manzoni, ma nei fatti l'identità degli italiani appena riuniti (il 2010 , tra l'altro, è il 150° anniversario dell'Unità – Roma esclusa) è stata costruita da tre altri autori, il Salgari di Sandokan e del Corsaro Nero, il melenso De Amicis di Cuore ed il Collodi di Pinocchio.

Proprio a Pinocchio è dedicato questo saggio che percorre origini e fortuna del personaggio, emblema stesso dell'Italia e degli italiani, attraverso le sue varie incarnazioni, dal Pinocchio della Disney a quello di Comencini, con qualche riferimento a quello di Benigni (imbarazzante, o ricordo male?).

11 dicembre 2009
musica
kylie nyc


Lo scorso ottobre la meravigliosa Kylie Minogue ha fatto, per la prima volta, un tour in nord America e, a mo' di instant album, esce ora Kylie live in New York, a perenne testimonianza dell'evento.

I più saranno delusi dall'assenza, nelle 25 tracce dal vivo, della nuova Better than today, che dovrebbe apparire nel suo 11° album, previsto per il 2010, ma c'è comunque molto di cui essere contenti (magari non la versione jazz di The locomotion, ecco): Confide in me prende una piega roccheggiante, The one resta un capolavoro, c'è un medley in cui appare What do I have to do, la sua Burning up confluisce in Vogue di Madonna, un'intrigante versione di I believe in you e infine, acquistando l'album su iTunes, ci sono tre remix inediti prodotti da Steve Anderson.


16 maggio 2009
musica
eurovision 2009 - 3
20:51 Ci siamo quasi, tra un po' inizia la finale dell'Eurofestival, dopo le due semifinali (se ve le siete perse, se ne parlava qui e qui). Finalmente le acque si stanno muovendo anche in Italia e Repubblica.it, sempre al passo coi tempi, ha messo su un 'blog' per seguire l'evento (speriamo sia un buon segno e che la RAI si decida a far tornare il nostro paese in gara - nel 2011, alla meno peggio, perché mi pare che il regolarmento richieda che per partecipare un paese debba prima aver trasmesso l'edizione precedente). Quest'anno, inoltre, pure i paesi che di solito arrivano ultimi (Francia, Inghilterra, Germania e Spagna) hanno deciso di fare le cose sul serio e la lotta sarà dura, durissima...

21:05 Ommioddio! Dima Bilan! Prova che la Russia è un paese civile. Qui la prova che la Russia NON è un paese civile.

21:20 La Francia tenta l'impossibile con la sublime Patricia Kaas, che proprio non c'entra niente ma mette davvero i brividi.

21:27 Io continuo ad adorare la Svezia...

21:33 Sono tipo 44 anni che il Portogallo partecipa e non vince. La canzone non è terribile, ma la vedo difficile (potrebbe arrivare nei primi dieci, però)

21:43 E il buon Sakis (Grecia) non è caduto malgrado abbia fatto due salti azzardati. Atene 2010 non è impossibile.

21:53 Se Arash non avesse tirato fuori una chitarrina, l'Azerbaijan avrebbe vinto.

21:55 I Regina (Bosnia-Herzegovina) sono EPICI.

22:09 L'Estonia è oggettivamente affascinante, sarà per la lingua misteriosa (russo? esiste l'estone?). Sul blog di rep. , intanto, si sono resi conto che all'Eurofestival il ritmo è ben altra cosa rispetto agli sproloqui di un Bonolis.

22:18 Non potendo chiaramente puntare sulla canzone, la Germania mette sul palco la divina Dita Von Teese. Con un frustino! Best. tv. show. Ever.

22:23 Avevo sottovalutato l'Albania, ma nulla regge il paragone con la Norvegia di Alexander Rybak!

22:39 Ultime tre canzoni: l'Inghilterra vuole vincere (o per lo meno piazzarsi) e porta una canzone assolutamente 'perfetta' scritta da Andrew Lloyd Webber (per un giudizio sul quale rimando a quanto pensa il protagonista di questo romanzo); la Finlandia è fantastica e la Spagna non delude.

23:13 Sono anni che mi chiedo a cosa serva lo spettacolino dell'intermezzo.

23:18 Cominciano ad arriva i voti... in testa la Norvegia!

23:29
Hanno votato in 10 su 42... in testa Norvegia, poi Turchia, Armenia (!) e Inghilterra (!!)...

23:39 Ommioddio: a dare i voti dell'Inghilterra c'è Duncan dei BLUE!

23:46 Hanno votato più di metà dei paesi, in testa Norvegia (ormai ha vinto, direi), Islanda, Turchia, Inghilterra e Azerbaijan!

23:57 Hanno votato in 33... Norvegia, Azerbaijan, Islanda, Inghilterra e Turchia...

00:06 E la Norvegia ha matematicamente vinto! L'Islanda è seconda, l'Azerbaijan è terzo, la Turchia quarta, l'Inghilterra quinta (ottimo risultato), anche la Francia è ben piazzata, ultima (mi pare) la Finlandia... l'anno prossimo, tutti a OSLO!
18 aprile 2009
no, non è la nuova stagione di Capri


L'idea dei prequel (serie televisive ambientate prima della serie televisiva da cui derivano - anche la parola pre-quel non scherza quanto a idiozia, eh) di solito è idiota, ma in qualche caso il progetto sembra sensato; è il caso di Caprica (il cui primo episodio è in uscita direttamente in dvd – la serie dovrebbe andare in onda nel 2010), prequel di Battlestar Galactica, ambientato 58 anni prima dell'attacco dei Cylon.

Gli elementi cui siamo affezionati (monoteismo/politeismo, senso di angoscia esistenziale che pervade il tutto) sono presenti, in più ci sono un'ambientazione che sembra uscita dagli anni '50 e una tecnologia mai vista prima a BSG, nonché la prima apparizione dei Cylon nella storia (il che, ahimé, rende ancora più complicato il continuum di Battlestar Galactica).

Non sono bene dove vogliano andare a parare, ma sono dei geni.
7 maggio 2007
televisione
persi fino al 2010
    Negli Stati Uniti sta giungendo alla conclusione la terza stagione di Lost - queste ultime puntate sono incredibili, dude.
    Ora pare che la ABC abbia annunciato cosa succederà alla serie: ci aspettano ancora tre stagioni, di soli 16 episodi ciascuna, che andranno in ondra da febbraio a maggio nel 2008, nel 2009 e nel 2010...



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lost terza stagione 2010 abc

permalink | inviato da cheremone il 7/5/2007 alle 18:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte